New York Knicks

UFFICIALE: I Knicks si coprono ulteriormente, firmato Trey Burke

11.10.2017 19:45
Soltanto tre settimane fa Trey Burke era un giocatore degli Oklahoma City Thunder. Adesso invece, sappiamo che vestirà la maglia dei New York Knicks nella stagione che sta per iniziare. Infatti, dopo aver trovato l'accordo con i Thunder, decise improvvisamente di ritirarsi e così si è trovato nuovamente free agent. I Knicks hanno scelto di firmarlo ma, per adesso, non sono uscite le cifre e non sappiamo la durata di esso, anche se difficilmente sarà a lungo termine e ben remunerato. Burke ha passato l'ultima stagione con i Washington Wizards giocando soltanto 12.3 minuti e realizzando 5 punti e 1.8 assist, non guadagnandosi la riconferma. Quindi cosa vedono in lui nella Grande Mela? Nel pieno della ricostruzione, i Knicks hanno quattro nomi come playmaker, ma nessuno di essi è un nome altisonante. Chiaramente il rookie Ntilikina avrà molto spazio questa stagione, visto che puntano molto sul suo talento, ma per alcuni problemi al ginocchio non ha potuto dimostrare granchè. Un altro nome interessante è quello di Ron Baker, ventiquattrenne che ha fatto vedere delle cose buone nella passata stagione e si è ritagliato il suo spazio. Il mercato estivo ha portato inoltre due come Ramon Sessions e Jarrett Jack, nomi d'esperienza ma non di livello assoluto. Ecco perché la dirigenza newyorkese ha scelto di coprirsi maggiormente con un giovane come Trey Burke, il quale ha già dimostrato di poter stare in campo diversi minuti. In ogni caso, Hornacek dovrà essere bravo a gestire la situazione visto che ha a disposizione anche due guardie come Hardaway Jr. e Lee, che non possono essere messe in panchina. Per questa ragione ma non solo, ci aspettiamo di vedere spesso un quintetto basso che possa permettere un minutaggio accettabile per tutti i "piccoli". Anche perché l'unica alternativa è tagliare qualche giocatore e Burke, potrebbe proprio essere tra i primi della lista.

Commenti

Le strabilianti statistiche nel tiro da 3 punti di Steph Curry
#INFERMERIA: Salta il primo round tra Lebron e Irving?