New Orleans Pelicans

Anthony Davis: l'MVP sottovalutato di New Orleans

Simone Romani
27.02.2018 18:05
Quante volte Anthony Davis è stato declassato per via di inutili stereotipi. Nessuno ha mai creduto che il ragazzo in casacca #23, con un'apertura delle braccia di 2 metri e 27 centimetri, potesse realmente fare la differenza. Eppure nell'ennesima lotta allo sfinimento per raggiungere i playoffs i New Orleans Pelicans sono abbracciati alle super prestazioni di AD. L'infortunio di DeMarcus Cousins è stato un duro colpo per l'ambiente della Louisiana, ma ha fatto scattare qualcosa all'interno del "monociglio". Nelle ultime 5 partite, trasformate in vittorie, il ragazzo nativo di Chicago si è caricato "a pallettoni", sfoderando delle prestazioni fuori dal comune. La media che ha mantenuto ha dell'incredibile: 39.2 punti a partita a cui vanno aggiunti 13 rimbalzi, che hanno portato la squadra addirittura al quinto posto nella Western Conference. Ma il quesito che c'è da porsi ora è: come è possibile che un giocatore di questo genere non sia stato preso in considerazione nella corsa all'MVP? Durante il solo mese di febbraio, Anthony Davis ha fatto registrare una media di 34 punti e 12 rimbalzi a partita. Eppure per Skip Bayless di Fox Sports, questo non è abbastanza per evitargli l'appellativo di sopravvalutato. Tuttavia se non bastassero i numeri dell'ultimo mese, possiamo analizzare quelli appartenenti alla stagione in corso. Anthony Davis sta viaggiando su una media di 28.2 punti, 11.0 rimbalzi e 2.2 stoppate a partita, che non sono affatto numeri da sopravvalutato. In realtà, guardando oltre ai numeri e agli infortuni, AD23 è l'unica ragione per cui i New Orleans Pelicans sono ancora in corsa per un posto alla prossima postseason. Certamente nulla togliendo a Jrue Holiday che è un giocatore fantastico, ma che di certo non può ancora godere della prestigiosa etichetta di superstar. L'ala grande, o centro all'occorrenza, si sta sobbarcando in campo di tutte le responsabilità della franchigia, ed è questo che fa di lui un vero MVP. LeBron James ai Cleveland Cavaliers o Kobe Bryant ai Los Angeles Lakers, ci hanno insegnato che l'MVP è colui che si prende ogni responsabilità della squadra sulle spalle, e la conduce alla vittoria. Anthony Davis certamente non vincerà il premio MVP in questa stagione, magari non entrerà mai nei primi tre di questa classifica, ma ciò che porta sul parquet ogni singola sera, fa si che lui lo possa essere nel prossimo futuro, magari quando New Orleans deciderà di affiancare al "monociglio" altre superstar e puntare dritti dritti al Larry O'Brien Trophy!

Commenti

Marcus Smart l'arma a sorpresa dei Boston Celtics
TIMEOUT | Kevin Garnett: il grande uomo, nascosto dietro al trash talking