Ovest

Carmelo Anthony e quella reunion fallita con Chris Paul e LeBron James

22.12.2017 11:25
Poche ore fa è uscita un'indiscrezione molto interessante su quello che è accaduto in estate prima del trasferimento di Carmelo Anthony agli Oklahoma City Thunder. Secondo Ian Begley di ESPN, l'ex giocatore dei New York Knicks stava cercando di formare un super team a Houston, con i suoi amici Chris Paul e LeBron James. Anthony voleva ricostruire tre quarti della Banana Boat Crew, la quale comprende anche Dwyane Wade. Durante tutta l'estate Carmelo è stato ad un passo dai Rockets salvo poi accettare la destinazione Oklahoma City, che per adesso non gli sta portando molta fortuna. Entrando nei particolari, su cui Begley ha fatto luce: il nuovo acquisto di OKC era così affascinato da quest'idea che aveva già pensato ai possibili accoppiamenti che si sarebbero verificati in uno scontro contro i Golden State Warriors, definito come l'avversario numero 1. Anthony ha anche rilasciato una piccola dichiarazione sulla vicenda, senza negare che gli sarebbe piaciuto vivere quell'esperienza:
"Ci abbiamo pensato, poi abbiamo iniziato a fare attenzione e a valutare altre opzioni."
Alla fine però non si è verificata questa possibilità, in primis perché Anthony ha dato l'ok per la cessione ai Thunder, nonostante l'accordo con i razzi texani sembrasse ad un passo. D'altro canto, era difficile immaginare che il Re avrebbe seguito le orme dell'amico in questa stagione. Era più lecito aspettarsi che LeBron avrebbe atteso fino all'estate 2018, in cui diventerà free agent. Chris Paul invece ha intrapreso la sua strada andando a far compagnia a James Harden, forse poco considerato in quest'intera vicenda, e fino ad ora i numeri danno ragione a CP3, visto il record (e le prestazioni) dei Rockets. I più attenti però noteranno che il "piano" di Carmelo è ancora realizzabile, o quantomeno ha un'altra chance. Infatti, come detto sopra, James ha ancora la possibilità di liberarsi del contratto con i Cavaliers la prossima estate e scegliere un'altra destinazione. Paul si trova già in quel di Houston ed Anthony potrà uscire dal contratto con i Thunder nel 2018 se le cose si dovessero mettere male (e per adesso non vanno certamente bene). Chissà, magari questa estate i tre protagonisti penseranno ancora una volta all'eventualità di riunirsi in una squadra come i Rockets; per adesso è puro FantaNBA, ma il mercato estivo degli ultimi anni ci ha abituato a pensare fuori dagli schemi, quindi mai dire mai!

Commenti

Anunoby e Kuzma: gli steal of the draft a colpi di career high!
Michael Beasley: l'uomo MVP che non ti aspetti