News

Jae Crowder: l'uomo in piú dei Cleveland Cavaliers!

04.10.2017 14:10
Con le recenti aggiunte apportate dalla dirigenza al roster dei Cleveland Cavaliers è ormai sicuro che vedremo molte modifiche nel gioco, ma soprattutto nell’uso che Tyronn Lue farà nei confronti dei propri giocatori. Dopo appunto aver parlato del probabile nuovo ruolo che Kevin Love andrà a ricoprire sul parquet (clicca qui), una domanda sorge spontanea: che ne sarà di Tristan Thompson nello starting five? E’ molto probabile, se non certo, che l’autentico centro dei Cavs sia destinato a rimanere seduto in panchina più di quanto tempo lui stesso si potesse aspettare. Tutto questo risulta inoltre confermate nelle parole dello stesso Thompson:
"Sono pronto a portare energia e solidità dalla panchina. Quest'anno posso vincere il premio di sesto uomo dell'anno!"
Thompson quindi non sembra particolarmente dispiaciuto di quello che sarà il suo nuovo ruolo nel team. Ciò non è però solamente dovuto allo spostamento di Love, ma perlopiù dalla importante presenza dell’ex Boston Celtic Jae Crowder. Il nuovo numero 99 dei Cavs è stato infatti fortemente voluto e desiderato da tutti gli addetti ai lavori della franchigia sin dal momento in cui, questa estate, è stato inserito nella clamorosa trade che ha portato l’ex numero due Kyrie Irving nel Massachussets. Crowder è "adorato"  per la sua poliedricità, la quale fa del suo atletismo difensivo, della sua prestanza fisica (che non lo rallenta affatto) e della sua grinta in campo, un giocatore formidabile, sia in uscita dalla panchina che in quintetto titolare. Sempre tenendo bene in mente la sua vantaggiosa situazione contrattuale. Ed è proprio per le caratteristiche appena citate che Crowder potrebbe essere schierato sin dalla palla a due in un ruolo che, in gergo, potrebbe essere definito come “Stretch Fuor”proprio per le capacità dello stesso di essere molto elastico sul campo e ricoprire i ruoli del frontcourt in maniera egregia e matura. In un ipotetico quintetto, Crowder andrebbe ad aiutare Love sotto canestro mentre Wade e LeBron andranno a completare lo starting five con Rose in regia. Con 13.9 punti, 5.8 rimbalzi, 2.2 assist e 1 palla rubata a partita Crowder si conferma, già a partire dalle statistiche, un giocatore in grado di aiutare da subito i ragazzi di Tyronn Lue. L'ex Boston inoltre, pur non essendo da considerare come un tiratore scelto, sarà molto utile per tutte le spaziature dei Cavs, poiché la percentuale da oltre l’arco nella passata stagione dice 39.8%. Il dato è comunque da analizzare e prendere con “le pinze” perché, se si sono viste alcune partite dei Celtics di Stevens nelle passate stagioni, ci si accorge che i tentativi da oltre l’arco da parte di Crowder sono assai ridotti in momenti in cui si trova smarcato o in una situazione a lui confortevole, ovvero gli scarichi di Isaiah Thomas. Tutto questo però non scoraggi i tifosi Cavs poiché Crowder, in una squadra dei vari LeBron, Wade, Thomas, rappresenta un uomo in più da marcare, e questo non potrà che renderli sicuramente più pericolosi nei confronti dei GSW e dei Boston Celtics.

Commenti

L'anno della verità per Harrison Barnes
Dal 2018 cambia l'All-Star Game: saranno i capitani a decidere i rosters!