News

A Cleveland anche Isaiah Thomas finisce nell'occhio del ciclone

Simone Romani
26.01.2018 18:03
In questo periodo sta succedendo un po' di tutto in casa Cleveland Cavaliers. E purtroppo la situazione non sembra migliorare. In queste ore, la squadra sembra essersi sfaldata completamente per colpa di alcuni atteggiamenti del neo arrivato Isaiah Thomas. Come già sappiamo, la scorsa settimana dopo l'imbarazzante sconfitta per mano degli Oklahoma City Thunder, la squadra ha dato vita ad una riunione interna di soli giocatori. La discussione, giusta o sbagliata che sia, era riguardante l'insensata uscita anticipata dal campo di Kevin Love (clicca qui). Da portavoce quel giorno fece proprio Isaiah Thomas, che espresse il suo dissenso alzando anche i toni della discussione. IT è visibilmente irritato in quanto ancora non riesce a portare il suo livello di gioco a quello che gli apparteneva ai tempi dei Boston Celtics e proprio per questo, dopo la discussione, nei giorni successivi, l'intera squadra sembra essersi accorta di alcuni problemi riguardanti proprio l'ex Celtics. Analizzando bene la situazione, il sistema di gioco che viene adottato quando Thomas è sul parquet, non è gradito dal resto dei giocatori che, da una parte sono contenti dei continui scatti e penetrazioni, ma dall'altra parte non hanno capito bene come usare queste caratteristiche, e sono stufi di difendere nella propria metà campo con un uomo in meno. Analizzando i dati, da quando Isaiah Thomas si è reso disponibile il 2 gennaio scorso, i Cleveland Cavaliers hanno un record negativo di 3-7. Con il playmaker ex Boston Celtics in campo, il record è 3-5. Ora con gli evidenti problemi, i suoi 15.9 punti a partita, con il 39.1% al tiro, non stanno bastando a trasformare la situazione da negativa in positiva. Se poi a questi numeri ci si aggiunge la fase difensiva assente con 122.5 punti concessi a partita quando IT è sul parquet, il danno è bello che fatto. Ma c'è di più, perchè secondo Joe Vardon, reporter dei Cleveland Cavaliers, pare che Isaiah Thomas si sia lamentato di come la squadra si stia allenando. Protesta che ha infastidito e non poco i propri compagni di squadra. Lo stesso Vardon ha così espresso il suo parere più che attendibile, considerando la sua vicinanza alla squadra:
"Non si esercitano e l'ironia di alcuni dei ragazzi nello spogliatoio e' stato tipo: Aspetta un minuto, stai parlando di come non ci alleniamo il giorno dopo le partite e parli tu Isaiah, che non puoi giocare nelle partite back-to-back. quindi come funziona?."
ed ha poi aggiunto:
"I giocatori hanno gradito Thomas perchè più socievole di Kyrie Irving. E' stato apprezzato perchè ha mostrato la volontà di lavorare con i compagni di squadra. Tuttavia, questa etica del lavoro che tanto amavano sta terminando."
Insomma la situazione in casa Cleveland è molto complicata. Tutti capiscono che Isaiah Thomas sta cercando di tornare al massimo della sua condizione. Ma ci sono cose e parole, che in un momento critico non andrebbero fatte e ne' dette, soprattutto se Isaiah Thomas ora non può cambiare la direzione delle cose.

Commenti

La strana stagione di Russell Westbrook: snobbato anche da LeBron?
Perchè LeBron James ha scelto Kyrie Irving per il prossimo ASG?