Infermeria

#INFERMERIA: Amarezza Cavs, rottura della mano per Kevin Love

Simone Romani
31.01.2018 12:04

Ancora una volta, suonano gli allarmi in casa Cleveland Cavaliers. Kevin Love, dopo appena cinque minuti dall'inizio della partita persa contro i Detroit Pistons, andando a sbattere contro Reggie Bullock, è stato costretto ad abbandonare il parquet in anticipo. Gli esami strumentali inoltre hanno confermato le preoccupazioni: frattura non scomposta della mano sinistra, che terrà lontano Kevin Love dal parquet per almeno 6-8 settimane. Di certo non è una buona notizia per dei Cleveland Cavaliers, che in questa stagione si vedono inseguiti da qualsiasi tipo di sfortuna. Ma non solo, anche per Kevin Love la notizia non è delle più fortunate visto che salterà L'All Star Game per il secondo anno consecutivo e per l'ennesimo infortunio. LeBron James, è stato il primo a parlare ai microfoni subito dopo la gara, senza nascondere la sua profonda amarezza:

“È l’ennesimo colpo di sfortuna che capita alla nostra squadra. Ogni notte dobbiamo fare i conti con cambiamenti, con un quintetto diverso dal solito, provando allo stesso tempo a coinvolgere tutti. Avremo avuto bisogno del contributo di Kevin, ma sappiamo adesso che starà fuori due mesi. È durissima, ma dobbiamo risollevarci.”

Il problema però non è da prendere con superficialità. Infatti essendo interessato il quinto metacarpo della mano sinistra, c'è la sicurezza che la regular season per Kevin Love sia terminata. Anche il coach Tyronn Lue ha espresso il suo pensiero, che collima perfettamente con quello di James:

“È abbattuto, affranto, Ma è una cosa che fa parte del gioco. È odioso dover rinunciare a lui, ma ci dobbiamo impegnare anche per lui. Per permettergli di rientrare senza fretta e al massimo della condizione.”

Non solo Lue e James, anche Isaiah Thomas, che meno di una settimana fa, ha detto delle parole non proprio carine nei confronti di Kevin Love, capisce il momento delicato:

“È una parte fondamentale della squadra. ma il nostro gruppo è forte e dove tutti sono pronti a dare il suo contributo. Per sostituire un talento del genere c’è bisogno dell’aiuto di tutti, non solo del giocatore che ne prenderà il posto”.

Tutta la squadra si è stretta intorno a Kevin Love, che sicuramente ha causato una grave perdita. Ma i Cleveland Cavaliers come sempre troveranno il modo di combattere questa "sfortuna" e di arrivare fino ai playoffs, dove lo stesso Kevin Love rientrato dall'infortunio sicuramente darà il suo contributo di qualità e sostanza.

Commenti

Siamo proprio sicuri che Russell Westbrook non meriti di nuovo l'MVP?
UFFICIALE: Monroe saluta i Suns ed ora fa gola a molti