Story of the Game

La leggenda del 20 dicembre: il giorno dei cinquantelli!

22.12.2017 11:42
Sarà forse l'arrivo dell'aria natalizia, ma il 20 dicembre non è un giorno qualunque per la NBA. Nel corso degli anni in questa data alcuni giocatori hanno scritto pagine indelebili delle loro carriere segnando più di 50 punti in una singola partita. Andiamo a vedere chi è riuscito in questa impresa:

JAMES HARDEN: 51 punti vs Los Angeles Lakers (20/12/2017)

Questa prestazione è fresca fresca. Il Barba nella notte di mercoledì ha segnato ben 51 punti, ma non sono bastati ad evitare la sconfitta ai suoi Houston Rockets dopo 14 vittorie consecutive. L'ex Oklahoma City Thunder ha tirato con un incredibile 55% (15/27), ha smistato 9 assist ai suoi compagni e recuperato un pallone. Negative sono state le 6 palle perse.

DEMARCUS COUSINS: 55 punti vs Portland Trail Blazers (20/12/2016)

Boogie era ancora ai Sacramento Kings. Questi 55 punti corrispondono il secondo score più alto della sua incredibile e giovane carriera. I Kings si portano a casa il match per 126-121, Cousins tira con il 60% (17/28), cattura ben 14 rimbalzi e stoppa 3 avversari. Quando DeMarcus è in queste giornate è praticamente impossibile da fermare.

KOBE BRYANT: 62 punti vs Dallas Mavericks (20/12/2005)

E' una delle più incredibili prestazioni di sempre. Il Black Mamba giocò una partita memorabile: segnò 62 punti in... 35 minuti di gioco! Kobe tirò con il 58% (32/53), prese 8 rimbalzi e rubò 3 palloni. Fu in campo per soli 3/4 perchè il risultato era già messo in cassaforte per i suoi Lakers, se avesse giocato qualche minuto in più a quanto sarebbe arrivato?

MICHAEL JORDAN: 52 punti vs Orlando Magic (20/12/1989)

Prima di vincere il primo anello della carriera, sua Maestà annientò gli avversari facendo vedere al mondo di che pasta era fatto: 52 punti col 54% dal campo (20/37) conditi da 7 assist, 5 rimbalzi e 4 palloni recuperati. Un piccolo assaggio del vero MJ...

WILT CHAMBERLAIN: 55 punti vs Detroit Pistons (20/12/1961)

"C'è una possibilità infinitesimale che rinasca un altro Michael Jordan, ma parliamoci chiaro non ce n'è che rinasca Wilt Chamberlain" diceva Federico Buffa. Nella sua incredibile carriera Wilt segnò 55 punti pochi giorni prima del Natale, toccò il 51% dal campo (24/47) in questa occasione con 19 rimbalzi e 6 assist.

WILT CHAMBERLAIN: 53 punti vs Seattle SuperSonic (20/12/1967)

Ancora una volta The Big Dipper appare in questa curiosa lista. A 31 anni segnò 53 punti (20/23 dal campo, 13/26 dalla sua odiata lunetta) e prese 38 (TRENTOTTO!) rimbalzi in 45 minuti. Un qualcosa vicino alla fantasia, è difficile anche pensare che un giocatore abbia fatto una prestazione del genere.

Commenti

Il lato più umano, più insicuro e meno infallibile di Michael Jordan
Carmelo Anthony e quella reunion fallita con Chris Paul e LeBron James