NCAA & Draft

Anfernee Simmons e la grande responsabilità di saltare il college

20.11.2017 12:32
Con la riforma che Adam Silver ha apportato al sistema del draft, e la conseguente diminuzione della probabilità di scegliere per primi seppur col peggiore record della Lega, "tankare" non conviene più. O almeno non converrà più fra circa due anni, quando il vorticoso Draft 2018 sarà passato (clicca qui). Michael Porter, Luka Doncic, Miles Bridges e Grayson Allen sono solo dei nomi di cui fra qualche anno sentiremo parlare, ma ,oltre a loro, un altro interessantissimo talento potrebbe essere già disponibile a partire da questa estate. Il suo nome è Anfernee Simons. Usiamo il condizionale poichè Anfernee Simons deve ancora terminare il suo ultimo anno di High School alla IMG Academy di Orlando in cui nell'ultimo anno, alla giovane età di 18 anni, ha viaggiato a 23.5 punti di media in mezz'ora abbondante di gioco. Il nativo di Altamonte Spring, bellissima cittadina della Florida, si è infatti reso conto che alcune squadre NBA sono già interessate alle sue potenzialità, nonostante i Florida Gators e i Louisville Cardinals gli abbiano fatto delle esplicite "avances". Proprio per questo motivo Simmons starebbe considerando l'eventualità di "saltare" il college per compiere subito il "grande passo" che lo catapulterà direttamente nella NBA. Se così dovesse accadere Simons si aggiungerebbe alla particolare lista di coloro che hanno deciso di non passare per il college, chi per motivi esclusivamente economici e chi per la voglia di dimostrare istantaneamente il proprio talento. Un esempio lampante di un professionista che, spinto dalla voglia di guadagnare presto e facilmente denaro, è Tyson Chandler che, dopo aver finito il liceo alla Dominguez High School, preferì rendersi eleggibile per il Draft 2001. Anche Kevin Garnett, nel lontano 1995, dopo una sola annata alla Farragut Academy, decise di far vedere a tutti quanto potesse essere già dominante. Proprio il dominio di Garnett alzò qualche polemica riguardo la vera necessità di andare al college, che in quel caso avrebbe rappresentato solamente una stagione in meno per padroneggiare nella NBA. I giocatori che quindi si rendono subito eleggibili per il Draft devono però essere persone consapevoli delle proprie capacità, proprio come Kobe Bryant e LeBron James. La leggenda gialloviola, infatti, dopo due anni alla Lower Merion, in cui dimostrò grande intelligenza e tanto atletismo, venne poi scelto alla tredicesima dai Charlotte Hornets per poi essere subito scambiato e spedito ai Los Angeles Lakers. Se però Kobe scelse di non andare al College per un motivo esclusivamente personale ecco che LeBron lo fece anche per una ragione addirittura nazionale. Televisioni e note riviste americane erano impazienti di vedere il talento della St. Vincent and St. Mary High School che soprattutto non poteva permettersi, economicamente parlando, di andare alla università. Al di là dei grandissimi nomi che sono stati sopracitati è da ribadire il fatto che saltare il college comprende delle enormi responsabilità, soprattutto se le aspettative sono molte. I vari Bryant, James e Garnett, oltre alla infinita mole di talento che possiedono, sono stati in grado di sopportare la forte pressione di chi crede di essere già pronto per il difficile mondo NBA. Anfernee Simmons, classe 1999 e alto 193 cm, è infatti un giocatore devastante nell'uno contro uno, nelle scattanti penetrazioni e nel tiro perimetrale. La sua più grande debolezza sta però nell'essere assai acerbo dal punto di vista fisico e sappiamo quanto questo sia già un fattore importante per i cosiddetti "one and done". Figuriamoci per chi addirittura compie precocemente il salto tra "i più grandi". Un fresco esempio di giocatore trovatosi in difficoltà, dopo le alte aspettative, è Markelle Fultz, il quale, al livello liceale si può paragonare a ciò che Anfernee Simons sta compiendo in Florida. I vari rankings posizionano Anfernee Simons fra la ottava e decima scelta del prossimo Draft, o fra le prime 5 del Draft 2019. Una cosa però è certa: l'inizio di carriera di questo fantastico prospetto sarà determinato dalla tenuta mentale del giovane diciottenne e dalla sua importante scelta.

Commenti

Zach Lavine scalda i motori, ma non saranno solo schiacciate...
Crisi OKC: per Melo è colpa dell'eccessivo... altruismo!