NCAA & Draft

Adam Silver vuole evitare ulteriori scandali dalla NCAA: nuova riforma in arrivo?

05.03.2018 19:06
Gli ultimi rumorosi scandali (clicca qui) che hanno movimentato negativamente e minato il mondo dello sport americano hanno fatto breccia nella NBA e soprattutto nella mente del Commissioner Adam Silver il quale potrebbe intervenire per dare una sana lezione alla parte corrotta del sistema NCAA. Dopo un trentennio in cui David Stern è riuscito ad elevare una semplice Lega in uno dei sistemi più ricchi e fruttuosi del mondo, anche Adam Silver sta facendo la sua figura, sviluppando e migliorando costantemente gli inevitabili difetti che, con lo scorrere del tempo, sorgono. Il Commissioner NBA ha inoltre capito che il danno di immagine accorso dalla NCAA potrebbe anche “infettare” l’immagine che la NBA si è pian piano costruita nel mondo. Secondo gli addetti ai lavori, infatti, presto potrebbero cambiare i rapporti di forza che ci sono fra basket collegiale e basket professionistico. La NCAA ha, da sempre, avuto il fertile monopolio sui giovani prospetti ma, proprio al fine di evitare altri scandali che possano riguardare la corruzione o altro, la NBA potrebbe risolvere il problema dalla fonte. La strategia sarebbe quella di permettere ai giovani talenti di entrare nella NBA attraverso la G-League, che diventerebbe una sorta di NBA College. Ciò può già avvenire, ma i prezzi non sono assolutamente competitivi. Ad esempio, Emmanuel Mudiay e Terrance Ferguson hanno giocato in Europa con contratti milionari mentre con le regole vigenti nella G-League guadagnerebbero un massimo di 26 mila dollari in una stagione. Inoltre la NBA ha già ampliato il suo raggio d'azione attraverso il two-way contract, lodato dalla maggior parte dei Team. Se questa “riforma” dovesse essere attuata sarebbe un bel “colpo basso” per la NCAA che perderebbe sicuramente l’attrazione di cui ora gode in maniera indiscussa. Non c’è la certezza riguardo questo potenziale cambiamento il quale potrebbe essere, chissà, una sola provocazione per richiedere maggiore trasparenza e serietà dal sistema NCAA. “Quando hai paura di incappare in una mela marcia, coglila dall’albero”, avrebbe detto un certo Malone nel film “Gli Intoccabili”. Chissà, appunto, se questo sia una mero segnale o un cambiamento imminente che la NBA potrebbe apportare in tutto il panorama sportivo americano.

Commenti

I SIGNORI DELLA NBA: Jonathon Simmons (seconda parte)
Larry Nance Jr sorprende tutti alla prima da titolare con i Cavs