Philadelphia 76ers

Embiid vs Towns: come perdere l'amicizia sui social

Simone Romani
15.12.2017 19:06
Joel Embiid non si smentisce mai. Sia in campo che fuori sa sempre come dare nell'occhio, peccato che questa volta non è andato tutto nel verso giusto. Trovandoci nell'epoca dei social, dove Joel Embiid sguazza allegramente, è facile trovarsi di fronte a fraintendimenti. Ed è proprio quello che è successo tra Joel Embiid e Karl-Anthony Towns. Il ragazzone di 2.13 m che veste la casacca dei Philadelphia 76ers , dopo una prestazione a dir poco dominante come riportano i suoi numeri: 28 punti, 12 rimbalzi e 8 assist, nella partita vinta 118-112 fuori casa contro i Minnesota Timberwolves, ha pubblicato una foto sui social, che ha smosso subito gli animi di un ferito Karl-Anthony Towns. La foto riportava la seguente dicitura:
"Euro stepping our way through Minnesota and we ended up raising the cat last night." "Ci siamo fatti strada attraverso il Minnesota, e alla fine abbiamo allevato il gatto la scorsa notte."
La risposta non ha tardato ad arrivare visto che il centro di Minnesota, per altro incluso nella foto, ha frainteso il messaggio interpretandolo come una mancanza di rispetto:
"That caption was as trash as your picture quality." "Quella didascalia e spazzatura come la qualità della tua immagine."
Ma la vicenda non è finita qui. Ovviamente un tipo come Joel Embiid autoproclamatosi Re del trash talking, (linguaggio che infastidisce tradotto in soldoni), sentendosi preso in giro con il termine che appare in alcune risposte di TRO-El Embiid, ha risposto con la stessa fame con cui schiaccia, senza mezze misure, al povero Karl-Anthony Towns:
"Better quality than your defense." "Sicuramente una qualità migliore della tua difesa."
La vicenda ha creato un enorme dirupo tra i due che, come conferma Joel Embiid oggi in un intervista, erano buoni amici. Le sue parole sono state ovviamente in sua discolpa come potete leggere:
"Davvero non lo so, non ho iniziato io sono stato accusato ed ho risposto di conseguenza. Ho messo la foto perchè penso che abbiamo vinto un ottima gara l'altra notte. Non so se KAT ha frainteso il significato di raising the cat, ma è un termine usato per descrivere la vittoria di una partita e non ha collegamenti con la sua prestazione."
Ovviamente lo stesso popolo dei social si è spaccato in due. Chi da un lato trova nell'atteggiamento di Joel Embiid un semplice divertimento, e chi invece è stufo della sua presunzione e delle sue infinite "stupidaggini". Anche sotto questo punto di vista Embiid ha cercato di calmare le acque concludendo l'intervista in questo modo:
"Comunque è solo divertimento. Io cerco di divertirmi ed i Social sono un modo per esprimermi fuori dal campo. Comunque siamo tutti amici."
Le sue ultime parole lasciano molto spazio alle riflessioni. Forse Joel Embiid si è veramente accorto di aver superato il limite. O forse, come da esperienza, le sue parole sono servite solo da scusante per far calmare le acque e magari domani riprendere la sua tranquilla vita Social. In qualsiasi caso che sia dentro o fuori dal parquet sentiremo ancora parlare di Joel Embiid.

Commenti

Torna a sorgere il sole dalla parte dell'Oceano Atlantico: la rivincita dell'est!
I New Orleans Pelicans vogliono scambiare DeMarcus Cousins?