New Orleans Pelicans

Il successo dei New Orleans Pelicans passa tra le mani di Rondo ed Holiday!

26.11.2017 11:10
A poco più di un mese dall'inizio della NBA sono molte le domande che tutti i fan, e soprattutto Alvin Gentry, si fanno riguardo le potenzialità dei rinnovati New Orleans Pelicans, ancor di più adesso, al pieno rientro di Rajon Rondo. L'ex stella dei Celtics infatti è stato costretto a saltare la primissima parte della stagione bloccato da un problema all'ernia. Il numero 9 dei Pelicans, ormai totalmente guarito da questo problema, sembra poter condurre i propri compagni alla vittoria. Dal ritorno di Rajon, che ha giocato sette matches, i Pelicans hanno vinto 5 partite evidenziando una crescita nel loro gioco offensivo e nel loro flusso. In sette partite disputate Rondo si è mostrato subito ben inserito nel sistema di gioco di Gentry, e ora sta viaggiando a 5.8 punti, 5.8 assist. e 2.7 rimbalzi di media  in 20 minuti di gioco. La domanda principale che però tutti si chiedono è come lo stesso Rondo possa integrarsi effettivamente con Jrue Holiday, visto che fino a questo momento, a causa dei vari infortuni, abbiamo solo pregustato quello che potrebbe essere l'asse Holiday-Rondo. La coppia ha fino ad adesso mostrato, in un campione di partite ancora troppo piccolo, una buona solidità, producendo 11.5 assist a partita e portando i Pelicans al terzo posto nella NBA per assist prodotti di media. Se però la coppia è destinata a consolidarsi per un arco di tempo a lungo termine, lo sarà proprio grazie alla poliedricità di Holiday di reinventarsi guardia e "farsi da parte" quando Rondo ha la palla a spicchi fra le mani. Jrue Holiday infatti, selezionato alla  diciassettesima scelta al draft 2009 dai Sixers, era inizialmente concepito proprio come una guardia tiratrice. Solo in un secondo momento, a causa di una mancanza tecnica di quei Sixers Holiday seppe migliorare le proprie innate capacità di playmaking, diventando difatti un vero e proprio playmaker. Ora, il ventisettenne ex Phila dovrà sintetizzare tutte le proprie capacità per diventare finalmente una All Around Guard, se così possiamo definirla, e consacrarsi definitivamente nella NBA. Solo così, apparentemente, la coppia Rondo-Holiday potrà coesistere, anche perché ormai il numero 9 è lontano mille miglia dai fasti di un tempo e sembra impossibile vederlo rivoluzionare il proprio gioco che presenta frequentemente troppe complicate sfaccettature per renderlo un giocatore quantomeno diverso e "modernizzato". I New Orleans Pelicans avranno necessariamente bisogno di vedere la propria coppia in sintonia poiché, oltre alle due Torri che possiedono una voce a sé in capitolo, migliorare l'attacco sarebbe fondamentale per una squadra che in difesa è molto spesso disastrosa. I Pelicans si trovano infatti al sedicesimo posto in classifica per punti subiti a partita, che ammontano a 104.8 punti. Il dato è assolutamente da migliorare viste le ambizioni da playoffs che i Pelicans hanno dimostrato nel recente passato, anche perché i ragazzi di coach Gentry non necessitano di puri difensori specializzati, bensì di una maggior coesione e solidità in difesa. Se sotto questi frangenti la coppia Rondo-Holiday dovesse mostrare evidenti miglioramenti, ecco che non si parlerebbe più di una squadra solamente trainata dalle prestazioni di Cousins e Davis, ma soprattutto di una vera squadra, composta da un gruppo e non da singoli giocatori. Solo in questa maniera e con questa concezione del Gioco infatti i New Orleans Pelicans potranno veramente ambire ad un reverente risultato di fine stagione.

Commenti

Rodney Hood si candida al premio di miglior sesto uomo dell'anno!
A questo punto Derrick Rose è ancora utile ai Cleveland Cavaliers?