Philadelphia 76ers

E se Joel Embiid potesse giocare con un minutaggio "normale"?

12.11.2017 17:21
A poco più di tre settimane dall'inizio della NBA non è certo il momento di tirare le somme riguardo qualsiasi franchigia o giocatore che si trovano all'interno di un momento evolutivo o involutivo che sia. Dopo una ventina di giorni siamo però tutti spettatori privilegiati di ciò che sta accadendo nella città dell'amore fraterno, in cui "The Process" si sta pian piano realizzando. Il processo in quanto tale, però, è ancora lontano dalla sua piena attuazione, e non perché siamo solo alla prima stagione della coppia Simmons-Embiid, ma soprattutto perché Joel Embiid è ancora reduce dalla frattura dell'osso navicolare del piede destro. Il suo minutaggio è infatti ancora circoscritto ai 25-30 minuti per partita e molto spesso "Joelone" è costretto a giocare spezzoni di match perché stare in campo per un intervallo di tempo prolungato potrebbe essere rischioso per un eventuale riacutizzarsi del problema fisico. Tutto questo fa disperare i tifosi dei Sixers, ma anche sognare poiché il talento di Embiid è stato fino ad ora frenato da un fato cestisticamente fino ad oggi ingiusto, e quando anche la sorte sarà dalla giusta parte allora il gioiello camerunense potrà sprigionarsi in tutte le sue forme, aumentando finalmente il minutaggio. Ad oggi Embiid gioca solamente 28 minuti ad allacciata di scarpe e viaggia a 19.8 punti, 10.3 rimbalzi e 3.4 assist di media, e nonostante il minutaggio ridotto rappresenta uno dei migliori centri della Lega. Oltre a questo Embiid è sicuramente la colonna portante di questi Sixers e del loro avvenire. Nei pochi minuti giocati "The Process" è di fondamentale importanza per le vittorie dei suoi compagni. Il suo plus/minus infatti è di +4.4 mentre la differenza di punti subiti e segnati dalla squadra con lui in campo, ovvero il Net Rating, è un parziale di +7.9, quando invece il Net Rating di tutti i ragazzi di Coach Brett Brown è un misero -1.9. Prima delle mille chiacchiere e dei mille elogi che si fanno al centro di Phila ci sono quindi le statistiche a dimostrare la vera importanza del centro camerunense. Ma fra le mille chiacchiere forse ce n'è una che fa tanto incuriosire quanto sognare tutti i fans dei 76ers. Cosa succederebbe se Joel Embiid potesse giocare con un minutaggio "normale"? Prendendo quindi in considerazione le statistiche di Embiid di queste 10 partite e parametrandole per 36 minuti di gioco ecco che otterremmo non più uno dei migliori centri della Lega, bensì il migliore. In 36 minuti Embiid sarebbe capace di mettere a referto 25.5 punti, 13.5 rimbalzi , 4.4 assist e 2 stoppate a partita diventando il settimo scorer e il quarto rimbalzista della lega. Per di più in questa stagione Embiid ha saltato due partite di cui una vinta, contro gli Jazz, e una malamente persa di 34 lunghezze contro i Raptors. Mentre con lui in campo i ragazzi di Brett Brown sono stati all'altezza di Boston, Detroit, Houston e Washington e si trovano ora ottavi ad est con un record di 6-6. Anche con un Simmons così "scatenato" probabilmente questi Sixers non potrebbero andare da nessuna parte senza il loro vero leader, ma in Pennsylvania hanno la fortuna di poter ammirare 2 future All-Star indiscusse. Resta solo da vedere come e quando Simmons ed Embiid riusciranno a rendere i sogni di quella città, una felice realtà.

Commenti

La grande fuga (ad ovest)
Curry e quell'insopportabile rumore