New York Knicks

Kristaps Porzingis zittisce Lonzo Ball e riscrive la storia della NBA!

Antonello Brindisi
14.12.2017 15:37
Nel corso della notte di mercoledì, il pubblico del Madison Square Garden è letteralmente andato in visibilio davanti all'ennesima prestazione altisonante di Kristaps Porzingis, autore di una partita destinata a rimanere scolpita nella storia della National Basketball Association. Il campione lettone è riuscito così ad oscurare il clamore mediatico attorno alla prima partita di Lonzo Ball nel leggendario tempio newyorkese (il palazzetto della Grande Mela è spesso considerato come il palcoscenico più importante del mondo, tanto da guadagnarsi l'appellativo de: La Mecca del Basket). Come se non bastasse "il grande polverone" alzato dalle continue esternazioni di LaVar Ball, la promessa dei Lakers ha infatti riacceso la diatriba con il rapper Nas (i due si erano resi protagonisti di un botta e risposta nel corso della preseason), sfoggiando nel prepartita una maglia del secondo album prodotto dall'artista americano (It Was Written) e sostituendone il volto con una propria foto. Il gesto, come era lecito immaginarsi, è stato prontamente criticato da una gran parte del panorama NBA (soprattutto Donovan Mitchell, rookie degli Utah Jazz, ha attaccato duramente il proprio coetaneo su Twitter). A quel punto è stato Kristaps Porzingis a ridimensionare "gli animi bellicosi", riportando così l'attenzione alla sfida sul parquet piuttosto che sui rumors che aleggiavano al di fuori del palazzetto. Il talentuoso ventiquattrenne ha infatti messo a referto 37 punti (14 su 26, 53.8% di realizzazione dal campo) con 5 triple messe a segno dall'arco, 11 rimbalzi e 5 stoppate: il primo giocatore nella storia della NBA a totalizzare delle cifre simili. Una prestazione magistrale, talmente assoluta da mettere d'accordo persino due profili in netta contrapposizione come Spike Lee e Magic Johnson, pronti a scambiarsi un cenno d'intesa al termine di un'azione portata avanti dal solito Porzingis. La grande serata del numero 6 dei Knicks ha inoltre permesso a New York di riacquisire un record positivo (14-13), agganciando così i Detroit Pistons e i Philadelphia 76ers al 7° e 8° posto della Eastern Conference: evento che ha sicuramente rilanciato il morale degli uomini di Jeff Hornacek dopo il deludente parziale di 3 vittorie e 6 sconfitte ottenuto nelle precedenti partite. La franchigia della Grande Mela è ora chiamata a bissare il successo ottenuto all'overtime contro i Lakers (109 a 113) nel "derby newyorkese" in programma questa sera al Barclays Center di Brooklyn, vedremo se Kristaps Porzingis riuscirà a mantenere questo indiscutibile "stato di grazia", proiettando così la stagione dei Knicks verso un plausibile approdo nei prossimi Playoffs.

Commenti

Mai nessuno come Jayson Tatum da dietro l'arco
San Antonio riabbraccia Kawhi Leonard e guarda alla vetta!