Boston Celtics

Boston celebra Paul Pierce, ma dove è finito Ray Allen?

Matteo Panzettini
12.02.2018 19:02

Quella appena trascorsa è stata la notte di Paul Pierce, che ha scritto una pagina importante del libro di storia dei Boston Celtics. A bordo campo dello storico TD Garden, poche ore fa, si sono riuniti i più importanti protagonisti della recente storia della franchigia biancoverde: Rajon Rondo, Kevin Garnett e Doc Rivers, che insieme allo stesso The Truth, sono riusciti nell'impresa di vincere il titolo NBA nel lontano 2008. Per gli appassionati NBA il tempo scorre velocemente: ci si emoziona facilmente della novità, del colpo di scena, tendendo a tralasciare e dimenticare la storia di questo Gioco. Discorso differente per gli amanti di questo meraviglioso sport, per chi lo rispetta ed è consapevole della storia di una franchigia. Nella giornata di ieri più di 19.000 tifosi hanno avuto la fortuna e il privilegio di assistere ad un momento storico, che verrà ricordato per molto tempo: ritirando la maglia di Paul Pierce, MVP delle finali 2008, si rende omaggio ad una parte importante del passato. Il 17 giugno 2008 rappresenta una data che un vero tifoso Celtics avrà impressa in memoria per tutta la vita, poichè dopo 22 anni la squadra è tornata ad essere la numero uno. Ma la giornata di ieri ha visto luci ed ombre. Uno dei giocatori più conosciuti degli ultimi due decenni, fondamentale sia per il titolo nel 2008, sia per quello del 2013 con la maglia dei Miami Heat (il tiro in gara-6 allo scadere contro gli Spurs vi ricorda qualcosa?) non ha partecipato a rendere omaggio al futuro Hall of Famer di nome Pierce. Stiamo parlando di Walter Ray Allen. L'ex Celtics ha marcato indelebilmente la storia del Gioco, e può essere considerato oggettivamente come il migliore tiratore di questo secolo. Le 2973 triple realizzate in carriera (si, avete letto bene, realizzate non tentate) lo rendono uno dei migliori "cecchini" da tre della storia, poichè nessuno è stato in grado di fare meglio. Ciò che ha creato scalpore non è stata solo la mancanza di un giocatore di così tale importanza, e nemmeno la partita persa in malo modo contro i Cleveland Cavaliers, rivali della Eastern Conference, ma una foto postata su Instagram ritraente lo stesso Ray Allen.

Allen infatti ha scelto di non recarsi a Boston e riunirsi con i compagni di squadra di una volta, ma di darsi allo svago con amici in un campo da golf. E' impossibile riuscire a capire con esattezza, per una persona esterna ai fatti, cosa sia successo tra il miglior tiratore da tre della storia ed il gruppo composto da Garnett, Rondo, Pierce e Rivers, ma non è la prima volta che succede un evento simile per questi protagonisti. A maggio del 2017 venne trasmesso un episodio speciale del programma televisivo "Area 21", trasmissione nel quale il protagonista (Kevin Garnett) si è riunì con gli amici ed ex compagni del 2008 in una piacevole serata per raccontare aneddoti e ricordi di quella magica stagione. Ma ancora una volta l'ex numero 20 Celtics era non era presente... Probabilmente il momento che ha cambiato totalmente le relazioni sportive tra questi giocatori è stato il passaggio dello stesso Allen ai Miami Heat nel 2012, principali rivali di Boston per il primo posto della Eastern Conference. Le certezze ed i dati di fatto sono limitati, ma di una cosa possiamo essere certi: un giocatore come Ray Allen, così elegante, micidiale e decisivo, resta unico nella storia del Gioco, ma soprattutto nella storia dei Boston Celtics!

Commenti

TIMEOUT | J.R. Smith: una vita tra parquet, errori ed eccessi
Il nuovo timeout di coach Steve Kerr