Trade

Clima infuocato tra Noah ed Hornacek: buyout in vista?

Simone Romani
30.01.2018 15:07
Nulla è più chiaro di adesso, Joakim Noah sembra definitivamente messo ai margini del progetto dai New York Knicks. Il centro, di discutibili doti atletiche, sembra essere veramente vicino al divorzio con la franchigia. Ma le motivazioni questa volta non appartengono solo a problemi contrattuali, e neanche alle scarse prestazioni. Dopo la sua sostituzione, nella sconfitta contro i Golden State Warriors, si erano viste le prime scintille tra lui e il coach Jeff Hornacek. Più che scintille il Daily News lo ha definito un vero e proprio "scambio infuocato", e a quanto pare non hanno avuto torto. Infatti subito dopo il match, tornati a New York il giorno seguente, la situazione non si è per nulla calmata tra Joakim Noah e Jeff Hornaceck. La soluzione trovata dai New York Knicks ovviamente non poteva che essere una sospensione indefinita del centro. Ma pur di non far trapelare la notizia di questo "conflitto", la dirigenza l'ha definita un'assenza per motivi personali, che così facendo ha fermato ai box Joakim Noah, in attesa di essere "forse" richiamato in campo.  Ed è proprio questo che ha dato il via a delle possibili trade per Joakim Noah. Le situazioni che sono state analizzate sono molte, perchè non c'è una vera è propria richiesta per il giocatore. Visto che il contratto non è in scadenza, le possibilità che una squadra si avvicini proponendo uno scambio sono molto ristrette. L'unica trade che inseriva Joakim Noah in un affare è stata quella abbozzata dai Cleveland Cavaliers in estate, in cui hanno messo sul piatto Kyrie Irving per Noah e Kristap Porzingis, ma poi conclusasi con un nulla di fatto. Quindi la strada più percorribile potrebbe essere quella di un buyout, una sorta di buonauscita, che però creerebbe dei problemi. Essendo il buyout un'arma a doppio taglio, la società sarebbe sicuramente disposta a perdere dei soldi, ma non sarebbe lo stesso per Joakim Noah, che dovrebbe rinunciare a 38 milioni di contratto che gli rimangono.  La pace non sembra appartenere a Joakim Noah, che si è visto tagliato fuori dalle rotazioni per via della concorrenza di Enes Kanter. I suoi 32 anni cominciano a farsi sentire, e la voglia di giocare sicuramente c'è. Ma purtroppo la sua permanenza nei New York Knicks sembra veramente giunta al capolinea.

Commenti

"I Phoenix Suns saranno aggressivi nella prossima free agency"
Los Angeles sogna LeBron James: il derby tra Clippers e Lakers è già iniziato!