San Antonio Spurs

Il pubblico degli Spurs freme, e non solo per il ritorno di Leonard

08.12.2017 10:39
Sono 25, e saranno 26, le partite che i San Antonio Spurs hanno disputato fino ad adesso in maniera sommariamente egregia durante questa prima fase della stagione. E nonostante pecchino dell'assenza del fulcro del loro gioco, Kawhi Leonard, i ragazzi di Popovich non hanno mai smesso di crederci, né mai hanno cessato nel rifiutare il fatto che  potessero ottemperare  risultati insufficienti. Le vittorie sono infatti 17, con 8 sconfitte, e se sono arrivate è soprattutto grazie a quel gioco corale che non manca ai San Antonio Spurs da quel lontano 1996, quando un "presuntuoso" General Manager di nome Gregg Charles Popovich decise di licenziare il Coach Bob Hill e di prendere in mano le redini della squadra. Oltre al cardine del gioco LaMarcus Aldrige, a Pau Gasol e Rudy Gay, sono ben 5 i giocatori che "flirtano" con i 10 punti a partita a testimoniare il fatto che, avendo un genio in panchina, non ci sia il bisogno di chissà quale vasta mole di talento in campo per poter conseguire un gioco di qualità e bellezza assoluta. Fra i vari giocatori che "flirtano" con i 10 punti di media a partita non c'è però Bryn Forbes, talento classe 1993 ex Michigan State, che sta viaggiando a 6.6 punti e 1.3 assist di media. Nulla di entusiasmante se non fosse per il fatto che, questo ragazzo, faccia entusiasmare proprio il generale dei San Antonio Spurs che, recentemente, ha detto di lui:
"Bryn ha un lungo percorso alle sue spalle. Ha trascorso gli ultimi due anni nella D-League e non è stato Draftato. Ora sta lavorando ad entrambe le mani, lo sta facendo duramente soprattutto per costruirsi una carriera nella NBA. Bryn mi ricorda Stephen Curry."
Il paragone non è certamente uno dei più comodi, ma coach Popovich sa come istruire i propri ragazzi per fare in modo che rendano sempre al meglio e, visto che le sua parole non sono mai casuali, non resterà che aspettare ed analizzare ciò che questo giovane ragazzo potrà fare per la franchigia del Texas. Uno dei fattori che però sta dando un grande aiuto a quelli che sono i risultati dei San Antonio Spurs è proprio il pubblico, mai visto così caldo in una semplice partita di regular season da uno come Manu Ginobili. Quest'ultimo, infatti, dopo essersi scontrato con Adebayo in una azione di gioco, ha sentito dei profondi "Ohhh" nel momento in cui sembrava avesse subito un grave infortunio. Il pubblico, secondo Ginobili, sta infatti comprendendo le circostanze, comunque non facili, che i San Antonio Spurs hanno attraversato in questa prima parte della stagione, date le assenze prolungate di Parker e Leonard. Ora che la Reunion di entrambi sul campo sembra vicina, il pubblico dovrà essere in fermento più che mai poiché i "giorni difficili" appaiono definitivamente passati e dalla prossima settimana, i San Antonio Spurs dovranno continuare a fare ciò che sanno fare meglio: vincere!

Commenti

Chicago Bulls: il finale è sempre amaro
UFFICIALE: La libertà di Jahlil Okafor si chiama Brooklyn Nets!