Ufficialità

UFFICIALE: Questa volta niente scherzi, Nikola Mirotic è dei Pelicans!

Emanuele
01.02.2018 19:28
Solamente due giorni fa i New Orleans Pelicans ed i Chicago Bulls avevano trovato un accordo per portare in Louisiana Nikola Mirotic. L'accordo che prevedeva in cambio Omer Asik e una futura prima scelta al draft poi saltò clamorosamente per volontà del giocatore, che a seguito del rifiuto da parte dei Bulls di esercitare la team option da 12.5 milioni di dollari prevista sul suo contratto per la stagione 2018/19, ha fatto valere una clausola presente nel suo contratto. Ossia che senza garanzie contrattuali per gli anni successivi Mirotic può praticamente decidere il proprio futuro. Cosa è cambiato oggi? I New Orleans Pelicans hanno convinto il giocatore garantendogli altri 12.5 milioni di dollari per la prossima stagione. Sì, proprio quelli della team option. In cambio i Chicago Bulls ricevono lo stesso "pacchetto" che era stato creato pochi giorni fa, quindi Asik e il suo contratto pesante da 11.3 milioni di dollari per la stagione 2018/19 e 11.9 milioni di dollari per la stagione successiva (salvo rifiuto di player option), la futura prima scelta al draft (protetta 1-5), insieme all'aggiunta di Tony Allen e Jameer Nelson. New Orleans aveva un disperato bisogno di affiancare ad Anthony Davis un giocatore solido, dopo il ko di DeMarcus Cousins (clicca qui) per continuare ad alimentare il "sogno" playoffs. I ragazzi di coach Alvin Gentry sono attualmente al settimo posto della Western Conference con un record di 27-23. Dietro di loro ci sono i Denver Nuggets con 26-25 ed i Los Angeles Clippers (orfani di Blake Griffin, finito a Detroit) con 25-25. Dunque non una missione così impossibile a meno di tre mesi dalla fine della regular season. Con l'acquisto di Mirotic i Pelicans si trovano attualmente sopra la luxury tax di 1.6 milioni di dollari e sopra la hard cap di 2.2 milioni di dollari. I Chicago Bulls invece, come riportato da David Aldridge, stanno riflettendo sulla possibilità di tagliare sia Allen che Nelson dal roster per fare posto all'ipotetico arrivo di Greg Monroe, tagliato a sua volta dai Milwaukee Bucks. Mentre terranno sicuramente Omer Asik. Alla fine ciò che ha spinto Chicago a chiudere la trade è stata la scelta al draft che può consentirgli di iniziare il "vero" processo di rebuilding a partire da questa estate.

Commenti

Atlanta smobilita in vista del Draft: Belinelli ai saluti?
UFFICIALE: Boston piazza il colpo "di peso", firmato Greg Monroe!