News

Nikola Mirotic prende per mano i Bulls: “Questa la vinciamo!”

10.12.2017 17:01
I Chicago Bulls questa notte hanno capito l'importanza di avere sicurezza nei propri mezzi. La franchigia dell'Illinois sta vivendo una prima parte di stagione da dimenticare: la squadra di coach Fred Hoiberg, infatti, occupa al momento l'ultima posizione nella Eastern Conference e ha il peggior record di tutta la lega avendo perso ben 20 delle 25 partite giocate fin qui. Che sarebbe stato un anno di transizione per i Bulls lo si era capito già quest'estate, ma nessuno probabilmente si aspettava una partenza così difficile di Chicago. Perché è vero che i Bulls hanno visto andar via punti di riferimento fondamentali come Jimmy Butler e Dwyane Wade, ma è altrettanto vero che in cambio hanno preso giocatori importanti come il dunker Zach Lavine e giovani dal profilo interessante come il finlandese Lauri Markkanen, settima scelta al Draft. Nonostante ciò Chicago fatica ancora a ritrovare una propria dimensione e, specialmente nelle ultime uscite, sembrava aver perso sicurezza. Nikola Mirotic che gioca nei Bulls da quasi quattro anni ha capito alla perfezione il momento difficile della propria squadra e nelle ultime due uscite ha deciso di dare una scossa. Risultato immagine per nikola mirotic L'ala montenegrina ha trascorso gran parte di quest'inizio di stagione ai box a causa di diverse fratture facciali. E' tornato a disposizione di coach Hoiberg nella sfida contro gli Charlotte Hornets vinta da Chicago e, al suo ritorno nello starting five, è stato decisivo nella vittoria esterna 104-102 contro i New York Knicks segnando 19 punti. Oltre che dal punto di vista realizzativo, però, Mirotic ha offerto un contributo determinante anche sotto l'aspetto psicologico. Il montenegrino, infatti, ha dimostrato una sicurezza incredibile, quella sicurezza che finora era decisamente mancata ai Bulls. Difatti, intervistato nel post-match contro i Knicks, Mirotic ha svelato un aneddoto a dir poco curioso, ma che allo stesso tempo la dice lunga sulla sua fiducia nei propri mezzi e in quelli della sua squadra:
“Prima della partita contro Charlotte ho detto a Randy Brown (vice-allenatore di Chicago ndr) che avremmo vinto quella partita perché ero tornato. Oggi gli ho detto che ne avremmo vinte due di fila, ora siamo 2-0 perciò non ci sono coincidenze”
I Bulls in effetti sono imbattuti da quando Mirotic è tornato in campo e chissà che non trovino proprio in lui quelle certezze che sembrano aver perso con l'addio doloroso di Butler. Il sogno di centrare i playoffs rimane comunque irrealizzabile per Chicago; intanto, però, hanno ritrovato un giocatore che adesso sembra realmente intenzionato a caricarsi la squadra sulle spalle e a trascinarla fuori dal tunnel. In fondo la luce non è poi così lontana se c'è uno come Mirotic a fare da lanterna.

Commenti

Lo sfogo di coach Malone: "Denver Nuggets? A bad team on the road"
Silenzio LaVar! Parla Kobe Bryant...