Phoenix Suns

Devin Booker è una vera e propria macchina da punti!

Matteo Panzettini
03.03.2018 14:14
Talento sopraffino, tiro da tre punti e capacità di fare canestro come e quando vuole, se aggiunti ad un ragazzo di appena 21 anni, portano uno ed un solo risultato: Devin Booker! Il ragazzo nativo di Grand Rapids, Michigan, stanotte ha raggiunto un traguardo importante: 4000 punti in carriera. Terzo più giovane di sempre. Il giocatore sopra citato milita attualmente nei Phoenix Suns, squadra al penultimo posto della Western Conference, con 19 vittorie e 45 sconfitte; solamente i Memphis Grizzlies hanno un record peggiore. Il livello dei giocatori che compongono il roster non è nemmeno comparabile con le squadre ai vertici della lega, causa anche la mancanza di un top player in grado di dare una svolta alla franchigia e riportare i Suns ai playoffs dopo 8 anni di astinenza (l'ultima volta fu la stagione 2009/2010). Phoenix è in piena ricostruzione: l'attenzione è rivolta al draft della prossima estate, nel quale Phoenix avrà la certezza di poter selezionare un giocatore di livello da affiancare a Booker, poichè la scelta sarà senza dubbio alta, tra le prime squadre. L'età media della squadra dell'Arizona è tra le più basse della NBA, e giovani con ampi margini di miglioramento quali Josh Jackson, Elfrid Payton e Tyler Ulis fanno ben sperare in ottica futura. Il ragazzo che ha in mano il presente ed il futuro della franchigia, come detto è Devin Booker, numero uno in campo della squadra. Nonostante sia al terzo anno della sua carriera, è più giovane di molti rookie della stagione attuale, primi fra tutti Ben Simmons e Donovan Mitchell. Booker fu scelto al draft del 2015, alla tredicesima chiamata, dopo una sola stagione NCAA con i Kentucky Wildcats, con cui aveva fatto registrare una media di 10 punti a partita. Per una guardia specializzata nel tiro da tre punti, con scarse abilità difensive ed un atletismo che non può minimamente reggere il confronto con l'universo NBA, i dubbi erano molteplici, e svariate franchigie hanno preferito non correre rischi. La prima data importante per la franchigia, e ancora di più per Booker, è il 25 marzo 2017. Al TD Garden di Boston prende atto la partita Celtics-Suns, che terminerà 130 a 120 in favore dei biancoverdi. Ad attirare l'attenzione è la prestazione della guardia originaria del Michigan, che metterà a referto 70 punti quella sera. Settanta!
"Ero in the zone... Il resto è storia"
Oltre al ventenne, solamente altri sei giocatori hanno toccato quota 70 in una partita (Wilt Chamberlain, Kobe Bryant, David Thompson, Elgin Baylor, David Robinson). Una vera e propria impresa dal momento che a leggende del calibro di Michael Jordan e LeBron James non è mai riuscita. Negli ultimi mesi il numero uno dei Suns ha saputo alzare l'asticella del proprio gioco, e di conseguenza le proprie statistiche: la percentuale realizzativa è passata dal 42.6% al 43%, dato non di poco conto visto l'aumento dei minuti in campo e dei possessi che passano per le sue mani. La percentuale da tre punti ora è passata dal 36.4% al 38.2%, cresciuta come la percentuale al tiro libero (da 85% a 88.6%) e dei punti a partita (da 19.8 a 25.2 ). La seconda partita che ha posto una svolta alla carriera del ragazzo è Thunder-Suns, giocata la stanotte, finita 124 a 116 in favore di Westbook e compagni. Due protagonisti della partita sono risultati, come da pronostico, Russell Westbrook, che ha portato a casa una prestazione da 43-14-8 (punti-rimbalzi-assist), e Devin Booker con 39-6-8. Durante il terzo quarto della partita, il numero uno Suns è tornato "In the Zone": 11 punti di fila in 85 secondi di gioco, contro una tra le migliori difese della lega quali i Thunder, che hanno contribuito a fargli superare quota 4000 punti in carriera. E' il terzo più giovane della storia dopo Kevin Durant e Lebron James a raggiungere cifre simili. Phoenix negli ultimi anni è rimasta ancorata ai bassifondi della Western Conference, ma non è facile non essere ottimisti riguardo al futuro quando in squadra hai una giovane macchina da punti di nome Devin Booker!

Commenti

I SIGNORI DELLA NBA: Jonathon Simmons (seconda parte)
Jae Crowder vs Jimmy Butler: è scontro totale su Twitter