Utah Jazz

#INFERMERIA: Utah trattiene il fiato, infortunio per Rudy Gobert!

Antonello Brindisi
13.11.2017 10:13
La difficile stagione in pieno corso a Salt Lake City non sembra voler concedere un attimo di tregua agli Utah Jazz, costretti ora a dover incassare la "nota dolente" del preoccupante forfait occorso alla propria "colonna portante", Rudy Gobert. Il pivot francese era stato costretto ad abbandonare il campo nel corso del terzo quarto giocato nella notte di venerdì contro i Miami Heat (partita successivamente persa 84 a 74) a causa di un contatto fortuito con Dion Waiters. Gli uomini di coach Quin Snyder hanno risposto con carattere alle avversità, conquistando nella notte un' importante vittoria ai danni dei Brooklyn Nets (partita terminata 106 a 114), nella speranza di poter riabbracciare al più presto la propria "All Star" nonostante l'iniziale pessimismo. Purtroppo gli esami strumentali svolti nella notte hanno confermato i timori dei tifosi, evidenziando un preoccupante edema osseo nella caviglia destra di Rudy Gobert (13.9 ppg; 10.5 rpg; 1.3 apg; con 2.5 bpg; in questa stagione). Il giocatore sarà quindi "fuori dai giochi" per un medio-lungo periodo, dalle 4 alle 6 settimane, complicando così la difficile corsa alla postseason dei Jazz. Di conseguenza, il record deficitario di Utah (6 vittorie e 7 sconfitti sin qui) potrebbe ulteriormente peggiorare, allontanando sensibilmente la franchigia di Salt Lake City dall'ottavo posto della Western Conference (l'ultimo posto utile per centrare i Playoffs), posizione occupata al momento dai Portland Trail Blazers (6-6). Nonostante l'ottima prestazione offerta contro i Nets (24 pts; 12 reb; e 2 blk; in 35 minuti di gioco sul parquet), Derrick Favors non sembra poter garantire quella continuità di rendimento utile a colmare il vuoto lasciato da Rudy Gobert, obbligando così coach Quin Snyder a "rivalutare" l'intera fase di contenimento della propria squadra per garantire un' adeguata protezione del canestro. Sarà necessario scommette quindi sullo spirito di gruppo a disposizione e sull'entusiasmo della Vivint Smart Home Arena, "cornice" sempre pronta a supportare i propri beniamini. L'assenza del venticinquenne transalpino rischia quindi di stravolgere il cammino stagionale degli Utah Jazz, squadra apparsa ancora "in corso d'opera" dopo la perdita nella Free Agency del proprio uomo-franchigiaGordon Hayward (giocatore passato ai Boston Celtics in estate e sfortunato protagonista di un terribile infortunio all'esordio stagionale). Solo il tempo potrà dire se, anche questa volta, il grande Q.I. a disposizione di coach Snyder riuscirà a colmare le lacune strutturali dei Jazz: una realtà che per attitudine, è spesso risultata pronta a "fare di necessità virtù".

Commenti

La grande fuga (ad ovest)
Cavs interessati a Greg Monroe: azzardo o mossa vincente?