Los Angeles Lakers

Kyle Kuzma: il vero trascinatore dei Lakers!

Kuzma è il primo rookie della storia NBA a realizzare 1200 punti, 450 rimbalzi e 150 triple in una stagione

Riccardo Poletto
06.04.2018 14:33

20 giugno 2017: una trade tra i Lakers e i Nets porta D'Angelo Russell e Timofey Mozgov a Brooklyn in cambio di Brook Lopez e la 27esima scelta al Draft 2017.

Uno scambio che, per certi versi, ha del clamoroso: a Russell, nonostante il suo status di potenziale uomo-franchigia, era stato preferito in cabina di regia Lonzo Ball, prossimo ad essere scelto al draft dai Lakers. Mettendo sul piatto un giovane promettente come Russell (allora alla stagione da sophomore), i losangelini erano riusciti a convincere i Nets a far partire Lopez, un giocatore interessante da inserire nelle rotazioni di Luke Walton.

In quel momento nessuno faceva caso però, all'altra parte del pacchetto proveniente da Brooklyn, ossia il rookie che sarebbe stato scelto come 27esimo tra i suoi colleghi. Una scelta che, con molta probabilità, era stata inserita nell'affare solo come "riempitivo". Questo perché, in realtà, i Nets non sapevano che tipo di giocatore sarebbe stato Kyle Kuzma.

Kuzma, insieme a Donovan Mitchell, è senza ombra di dubbio la steal of the draft della scorsa edizione: nonostante le bassissime aspettative (e forse proprio grazie al basso profilo tenuto), il rookie ha dimostrato un talento straordinario e una versatilità fuori dal comune, mettendo insieme una media di 16.3 punti a partita tirando con il 36.8% da 3, aggiungendoci 6.3 rimbalzi, per di più uscendo molto spesso dalla panchina (solo in 36 partite delle 76 giocate in totale è stato inserito nel quintetto titolare).

Oltre a queste cifre, impensabili ad inizio stagione, Kuzma ha infranto ben più di qualche precedente record della lega: l'ala gialloviola, nella partita vinta contro i San Antonio Spurs del 4 aprile, è diventato il primo giocatore nel suo anno da rookie a superare i 1200 punti (1240), a prendere più di 450 rimbalzi (480) e ad aggiungerci, perché no, oltre 150 tiri realizzati da fuori dall'arco (154).

Non è solo questo il primato raggiunto da Kuzma, dato che già nel mese di marzo aveva infranto il record di franchigia per il maggior numero di triple segnate da un rookie (132), precedentemente detenuto proprio da D'Angelo Russell. 

Senza voler andare a scomodare nessuna leggenda e nessun grande nome, Kyle Kuzma ha dimostrato di avere delle enormi potenzialità anche eguagliando un record appartenente all'unico e inimitabile Magic Johnson, realizzando quattro prestazioni da almeno 30 punti nella prima stagione tra i pro sempre nella partita del 4 aprile contro gli Spurs. E' difficile, forse impossibile predire adesso un futuro da grandissimo per Kuzma come lo è stato per Magic Johnson, ma di certo non si può negare la lampante futuribilità del ragazzo, dati anche i margini di miglioramento nel gioco nel pitturato, sia difensivamente che offensivamente.

A 6 partite dalla fine della sua prima regular season, dunque, Kuzma ha già fatto propri molti record dei Los Angeles Lakers e della lega intera. Il talento c'è, il potenziale anche, la voglia di crescere soprattutto: che sia una pedina di scambio oppure uno dei tasselli centrali di un nuovo progetto, siamo sicuri che Kyle Kuzma ritornerà molto utile ai Lakers.

Commenti

Kyle Lowry 2.0 ha cambiato il destino dei Toronto Raptors
Non si può fuggire dal proprio passato: Boston saluta Kyrie Irving!