Philadelphia 76ers

Ben Simmons e le sue due personalità

Simone Romani
11.01.2018 11:18
La combinazione di dimensioni fisiche e abilità cestistica di Ben Simmons è rara da trovare in un giocatore. Eppure quando non si trova affiancato da Joel Embiid, molti vantaggi che quel corpo e quella tecnica hanno sembrano svanire. Tutte le sere, quando Ben Simmons si trova da solo in campo, sembra guidare i suoi Philadelphia 76ers nelle prestazioni peggiori. Certamente la colpa non è solo del rookie di Melbourne, visto che tutto l'organico dei  Philadelphia 76ers non ha ancora ben capito come vincere senza Joel Embiid, ma purtroppo lui ne è la faccia. Sostituire un giocatore funzionale come Joel Embiid è impossibile dato che nessuno nella lega ha le sue caratteristiche. Il suo impatto difensivo fa si che Ben Simmons possa ipoteticamente "riposare" per essere distruttivo in fase offensiva, e nella metà campo offensiva Joel Embiid crea ulteriore scompliglio. Ma quando l'apporto di Joel Embiid viene a mancare le difficoltà vengono in superficie.  Questo è un problema familiare che affligge qualsiasi franchigia che faccia affidamento su talenti eccezionali. Il problema non è tanto quando Joel Embiid e Ben Simmons si trovano in campo insieme. Ma quando uno dei due, in particolare Ben Simmons, si trova nel bel mezzo delle rotazioni affiancato da giocatori come Amir Johnson, Dario Saric e Richaun Holmes. Il risultato è l'implosione. La formazione dei Philadelphia 76ers con Ben Simmons in campo, ma senza Joel Embiid, "consuma" circa nove punti di media su 100 possessi, che distrugge in gran parte la bellissima creazione di coach Brett Brown. Andando ad analizzare i numeri dell'intera squadra noteremo che giocatori come J.J. Redick e Robert Covington hanno le stesse statistiche al tiro sia nella formazione con Ben Simmons e Joel Embiid, ma anche nelle situazioni di rotazione. Mentre Ben Simmons passa da un'impressionante 60.5% al tiro con Joel Embiid in campo, ad un preoccupante 46.6% quando Embiid è seduto. Il problema è che Ben Simmons non avendo una gran fiducia nel suo tiro dal perimetro, è costretto ad andare all'interno dell'area fino al pitturato per poi concludere in un arresto e tiro o in un appoggio al tabellone. Le difese di conseguenza, libere dalla pressione che Joel Embiid crea all'interno dell'area, si concentrano ad inchiodare Ben Simmons sul suo prossimo movimento. E' questo il segreto adottato dalle difese avversarie, che hanno studiato alla perfezione ogni movimento di Ben Simmons. La conferma arriva dalla statistica che vede passare la percentuale di realizzazione dal 59%, data soprattutto dalle sue giocate che si concludono con un ossessionante ricerca del ferro, al 45% che invece è frutto della sua scarsa abilità al tiro dal perimetro. Per Ben Simmons, è un segnale che mostra che il futuro per il giocatore è molto chiaro, ma il lavoro da svolgere nel presente con quel tiro è ancora più limpido. Tutti abbiamo capito che Ben Simmons è un giocatore fenomenale, aggiungerei come pochi. Ma bisogna fare molta attenzione a trattare del materiale così delicato. Ben Simmons è certamente il futuro di Philadelphia, insieme a Joel Embiid, ma solo lui troverà il modo di essere il proprio futuro senza Joel Embiid.

Commenti

Nikola Mirotic: destinazione Salt Lake City?
#INFERMERIA: E' il caso di cominciare a preoccuparsi per le caviglie di Curry?