Ovest

#INFERMERIA: Da "Lob City" ad "Injury City", eppure la RM sorride a Blake Griffin

Niccolò Pascale
28.11.2017 20:11
LOS ANGELES - Siamo allo Staples Center e mancano poco meno di 5 minuti alla fine del derby tra Clippers e Lakers. Clips avanti di cinque lunghezze quando Austin Rivers, nel tentativo di rubare una palla vagante, frana sul ginocchio sinistro di Blake Griffin. Il numero 32 abbandona la partita e si avvia sconsolato negli spogliatoi. I suoi compagni, nel frattempo, chiudono il match 120-115 battendo i cugini losangelini e conquistando la terza vittoria consecutiva. Ma la gioia viene strozzata dalle condizioni di Griffin, apparso molto preoccupato per il suo ginocchio. Blake, prima di lasciare il parquet, aveva offerto il suo solito contributo alla causa: in 36 minuti di utilizzo aveva fatto registrare 26 punti, 11 rimbalzi e 6 assist. Insomma la stagione 2017/18 dei Clippers continua ad essere a dir poco "terrificante" in termini di infortuni se consideriamo che Pat Baverley ha già "salutato" questa stagione e che Teodosic e Gallinari non sono ancora pronti al rientro. Dopo l'attessissima risonanza magnetica di questo pomeriggio, lo staff medico della franchigia ha stabilito che Blake Griffin ha rimediato una distorsione al ginocchio sinistro con interessamento del legamento collaterale mediale e che dunque starà fuori a tempo indeterminato. Per intenderci i Clippers dovranno fare a meno di un giocatore da 23.4 punti, 7.7 rimbalzi e 5 assist di media a partita. Non uno qualunque. Il vero leader del team. Ma c'è un cauto ottimismo se si considera che la scorsa stagione a Golden State Kevin Durant subì un infortunio simile e, dopo essere stato dichiarato fuori a tempo indeterminato, KD ritornò sul parquet dopo circa un mese. Da quando Chris Paul è andato via, Blake Griffin è diventato il giocatore franchigia dei LAC e la sua crescita di rendimento è stata sotto gli occhi di tutti. Però la sua stabilità fisica spesso scricchiola e lo dimostrano le 67 partite saltate per infortuni vari nelle ultime due stagioni. Da "Lob City" a "Injury City" il passo è breve e la sfortuna è considerevole. Mai come in questo momento i Clippers sono attaccati al loro leader con la speranza che possa tornare il prima possibile al timone dei suoi, perchè nella bagarre della Western Conference, i playoffs della squadra di coach Rivers potrebbero essere a rischio... Niccolò Pascale

Commenti

Buoni o cattivi: la storia di Bill Laimbeer
Dopo Fizdale anche il suo "accusatore" Marc Gasol via da Memphis?