News

Adam Silver guarda al futuro: i Playoffs verranno rivoluzionati

La NBA è pronta alla tanto attesa riforma della postseason

Antonello Brindisi
18.02.2018 22:41

Durante il pieno svolgimento dell'All-Star Weekend 2018, il Commissioner NBA Adam Silver ha esposto la possibilità di una futura riforma strutturale dei Playoffs dedita a valorizzare ulteriormente la spettacolarità della lega americana. Una notizia destinata a far rumore tra le fila delle 30 franchigie americane, da anni ormai divise in due correnti di pensiero contrapposte riguardo ad una possibile modifica della griglia di partenza nella postseason. Un cambiamento basato sulla meritocrazia sportiva e pienamente conforme all'immagine mondiale della National Basketball Association, pronta a massimizzarne ulteriormente il il già grande potenziale mediatico.

Le discussioni sulla pari competitività tra le due Conference, spesso alimentate dalle lamentele delle squadre militanti ad Ovest, sembrano infatti aver scosso irrimediabilmente l'equilibrio interno della lega americana, al momento priva di una adeguata contromossa con cui rispondere alle pressanti richieste in merito al metodo d'assegnazione dei 16 spot con cui accedere alla postseason.

Il recente dualismo nato tra i Golden State Warriors e gli Houston Rockets per il dominio della Western Conference ha così esposto pubblicamente la "falla sistemica" della NBA, ormai rassegnata ad uno scontro anticipato tra le migliori realtà del proprio circuito. Un vero e proprio suicidio mediatico per la lega americana, palesemente penalizzata sul piano economico da delle Finals NBA meno appetibili del previsto, data l'inevitabile selezione imposta dalla contrapposizione tra Est ed Ovest.

Proprio per ovviare a questo scenario, la lega starebbe seriamente valutando la possibilità di eliminare le qualificazioni tramite le Conference, dando così una maggiore rilevanza alla classifica generale della NBA. A qualificarsi per i Playoffs sarebbero così le migliori 16 squadre della lega, cancellando così lo storico testa a testa tra la East Coast e la West Coast. Come confermato dalle parole di Adam Silver, la sorprendente proposta sembra essere ormai prossima all'approvazione, generando così una linea di congiunzione tra le tante modifiche apportate recentemente dall'attuale Commissioner NBA:

"Sfruttando l'occasione di un evento importante come l'All-Star Game di Los Angeles, voglio comunicarvi la concreta eventualità di una riforma strutturale dei Playoffs NBA".
"Come spesso detto, il nostro marchio punta ad accrescere costantemente la propria notorietà, forte della migliore competizione possibile nel mondo della pallacanestro mondiale".
" Proprio per questo motivo è necessario poter garantire il miglior spettacolo possibile, offrendo costantemente il massimo agonismo. Tuttavia l'attuale format non ci garantisce la certezza del nostro target".
" Capite bene che veder contrapposte le migliori squadre della lega anzitempo priva il pubblico dello spettacolo riposto nelle Finals NBA, facendo calare drasticamente l'entusiasmo e la credibilità del nostro business".

Attuare una simile rivoluzione andrebbe quindi a colmare il divario tecnico che si è venuto a creare recentemente tra le due Conference, sacrificando però quell'identità storica e culturale da sempre protetta grazie alla capillare rete strutturale della NBA. Le Divison, ancor prima delle Conference, donavano infatti una filosofia d'appartenenza alle 30 franchigie americane, alimentando l'agonismo e la competitività del campionato grazie alle tante rivalità interne, generate spesso da una contrapposizione prettamente territoriale.

Nonostante le sopracitate critiche mosse alle affermazioni di Adam Silver, la volontà della National Basketball Association sembra ormai pronta a varcare il "punto di non ritorno", modernizzando irrimediabilmente il proprio "Io" in favore della matrice capitalistica dell'attuale società. Giusta o sbagliata (dipende dai punti di vista), vedremo come le 30 realtà NBA sapranno adattarsi a questa nuova ondata di competitività imposta dalla globalizzazione del basket a stelle e strisce.

Commenti

Minnesota Timberwolves: sei una contender oppure no?
Gli incredibili miglioramenti di Josh Jackson