Cleveland Cavaliers

Dramma in casa Korver: muore il fratello Kirk!

I Cavaliers si stringono attorno al proprio shooter

Simone Romani
21.03.2018 15:50

In un momento concitato, in cui si vola verso i Playoffs, ci sono ancora problemi in casa Cleveland Cavaliers. Dopo un'adattamento che si è fatto aspettare, da parte dei nuovi componenti, ecco arrivare la brutta, se non tragica notizia. Kyle Korver, tiratore scelto della squadra, nonchè ragazzo dedito al lavoro, si è preso una pausa per la tremenda e prematura morte del fratello Kirk.

"Siamo molto vicini a kyle e alla sua famiglia".
"Gli abbiamo concesso una pausa a tempo indeterminato. per consentire sia a lui, che alla famiglia Korver di assimilare la tragedia".

Purtroppo la spiacevole notizia, è stata anticipata nella partita di sabato contro i Chicago Bulls, vinta 114-109 dai Cavaliers, in cui il ragazzo di Paramout California aveva lasciato il campo per "motivi personali". Pochi giorni dopo, Cleveland.com aveva fatto trapelare la notizia che il fratello minore, dei 4 in famiglia, Kirk Korver aveva un gravissimo male.

Nonostante questo, Kyle Korver era tornato per giocare 28 minuti contro i Millwaukee Buks due giorni dopo, in cui aveva prodotto 12 punti e 6 rimbalzi. La prestazione certamente sotto tono, giustificata dal tremendo stato d'animo, è stata solo un'avvertimento per quanto è successo questa notte. Il legame che legava i 4 fratelli, oltre alla pallacanestro, era molto viscerale.

La famiglia Korver, era strettamente legata al mondo del basket, in quanto tutti i fratelli hanno giocato a livello universitario. Kirk Korver in un intervista rilasciata nel lontano 2012, ha spiegato come il gioco avesse modellato i piccoli già dalla tenera età:

"Il basket è grandioso".
"Avevo sempre con chi giocare, ed essendo tutti molto competitivi, le sfide erano appassionanti".
"Siamo nati con il basket ed il calcio in casa. Ma guardando i risultati il primo è stato sicuramente il nostro amore".

Queste le parole del ragazzo che è venuto a mancare, e come dargli tutti i torti. Kyle Korver, oltre ad essere ancora un tiratore dalle stupende qualità, malgrado i suoi 37 anni, il più grande dei fratelli, ha donato spesso alla fase offensiva dei Cleveland Cavaliers la chiave di volta per risolvere le partite più difficili.

Sicuramente, nella prossima partita contro i Toronto Raptors, il tiratore prodotto dai Bluejays, sarà assente giustificato. Molte volte, di fronte a questo tipo di perdite, magari l'amore per il Basket passa in secondo piano. Noi possiamo solo stringerci forte attorno al dolore provato dalla famiglia, e sperare in un suo ritorno al più presto, dove ogni canestro rappresenti la sua personale dedica per Kirk.

Commenti

NBA Cares: quando i marziani scendono sulla Terra
Giannis Antetokounmpo: sconfiggere il presente per prendersi il futuro