Ovest

I Los Angeles Clippers scaricano DeAndre Jordan o viceversa?

25.11.2017 10:40
Fu Mark Cuban, due anni fa, ad essere il proprietario più vicino a conquistare il futuro di DeAndre Jordan, sebbene il suo tentativo risultò vano. Ora, lo stesso Jordan sta valutando l'opportunità di lasciare la città degli Angeli per iniziare una nuova storia, in una nuova franchigia, allontanando tutte le occasioni perse del passato. Il passato di Jordan, così come quello di Griffin e Chris Paul non è certo stato caratterizzato da importanti successi, e, dopo l'addio di Paul, tutti i ragazzi di Doc Rivers hanno pensato almeno per un istante di cambiare squadra. Il presente, seppur con qualche dose di speranza in più rispetto ai giorni successi all'addio del nuovo Rocket, non sta convincendo affatto Jordan che ha visto i "suoi" in netta difficoltà. Tutta la difficoltà che Jordan ha constatato è però dovuta alla grande sfortuna che questi Clippers hanno subito in questo avvio di stagione a causa degli infortuni dei vari Teodosic, Gallinari e Beverley, con quest'ultimo che sarà "out for the season". I Clippers sono inoltre reduci da una seria di 9 sconfitte consecutive in 10 matches giocati e non hanno assolutamente mostrato una voglia di riscatto o di rivincita dopo un inizio positivo dilaniato dalla sfortuna. Se da un lato Jordan ha forse perso quel feeling con la città californiana, anche i Clippers non sono da meno poiché non vedrebbero DeAndre Jordan nel loro progetto futuro e pertanto a Los Angeles si stanno diffondendo molte chiacchiere ed ipotesi riguardo un futuro lontano dalla West Coast. Ma dove potrebbe finire realmente DeAndre Jordan?
  • CLEVELAND CAVALIERS

Una delle franchigie presumibilmente interessate al ventinovenne nativo di Houston è proprio quella del Re LeBron James, il quale ha spesso sottolineato la mancanza di atletismo e potenza in attacco nei suoi Cavs. Tutto ruota però attorno al contratto di Jordan che rimane e rimarrà fino al 2019 un contratto pesante di 22 milioni di dollari annui, che potrebbe a sua volta spingere i Cavs a rilasciare Shumpert e Tristan Thompson, giocatori ormai quasi ai margini del progetto Lue. Ah, poi ci sarebbe anche quella "famosa" prima scelta dei Nets.
  • MILWAUKEE BUCKS

Oltre ai Cavs, anche i Bucks, già attivi sul mercato con la acquisizione di Bledsoe e la perdita piacevole di Monroe, stanno pensando di creare una delle più intriganti lineup della NBA con un quintetto molto particolare che vedrebbe partire titolari Maker, Giannis Antetokounmpo, Bledsoe, DeAndre Jordan e Parker. Si tratterebbe quindi di un quintetto atipico e con tantissimi centimetri, ma con giocatori in grado di dimostrare capacità di playmaking e di atletismo pazzesco. Ovviamente la scelta di scambiare MIddleton, Henson o Dellavedova in un colpo solo potrebbe essere difficile per il GM dei Bucks Jon Horst che vedrebbe la propria squadra accorciarsi notevolmente. Sarà inoltre anche la voglia di giocare per i Bucks di Parker, Restricted Free Agent nella prossima estate, a determinare l'ipotetico scambio per arrivare a Jordan che ora sta viaggiando a 10.4 punti e 13 rimbalzi di media in 33 minuti  partita in maglia Clippers. Prima che però tutto questo possa accadere ci sarà bisogno di tempo e determinazione per analizzare l'immediato futuro dei Clippers che dovranno rimediare un inizio di stagione devastante e trovare un'intesa del loro Big Three composto da Jordan-Gallinari-Griffin con Teodosic in cabina di regia per non cedere ad un imprevisto rebuilding.

Commenti

Rodney Hood si candida al premio di miglior sesto uomo dell'anno!
Non puoi lasciarci così Derrick!