Oklahoma City Thunder

Russell Westbrook, le difficoltà che non ti aspetti

12.11.2017 20:57
Non è tutto rose e fiori nel giorno del compleanno di Russell Westbrook. I suoi Oklahoma City Thunder, nonostante gli arrivi di Paul George e Carmelo Anthony, non riescono a trovare la giusta via. Le perplessità ed i dubbi insorgono su di loro, ma soprattutto i numeri di Russ non sono più quelli che tutti si aspettavano. Ovvio che non può viaggiare per un'altra stagione con una tripla doppia di media, il problema è in un'altra statistica. L'MVP della stagione passata sta avendo la sua media più bassa in carriera nei tiri liberi: un misero 59.2% dalla lunetta dopo le prime 12 partite, peggio di Andre Drummond e di DeAndre Jordan. Non si mettono in discussione le capacità di Westbrook nei liberi, ma questa scarsa precisione la si attribuisce alla non tranquillità mentale che il numero 0 sta avendo in questo periodo. Quando si sbagliano così tante conclusioni vuol dire che non sei sereno, c'è qualcosa che non va e che devi assolutamente migliorare. Nella partita contro i Portland Trail Blazers questo problema di Russ è costata la partita ai Thunder. Sotto di 4 punti a 20 secondi dalla fine, Westbrook subisce fallo su un tiro da 3 punti, dalla lunetta fa un pesantissimo 0/3 che decreta la fine del match. "Eseguo la solita routine", ha detto l'otto volte All-Star dopo la partita. Tuttavia chi non sembra preoccupato di questo vistoso calo dalla lunetta è il coach dei Thunder, Billy Donovan, che si aspetta che l'attuale MVP della lega supererà anche questo "piccolo" momento di difficoltà:
"Anche se hai un giocatore come Russell, che è stato tradizionalmente un grande tiratore di tiro libero, deve lavorare da solo in certe situazioni. Generalmente ragazzi di quelle capacità sanno perché non tirano bene: se non stanno piegando abbastanza le ginocchia, non si alzano sulle dita dei piedi. E penso che lavorerà per capire dove sbaglia."
Ora la palla passa a Russ... dalla lunetta!

Commenti

La grande fuga (ad ovest)
Oklahoma City Thunder: che sia forse ora di aver paura?