Ovest

Il nuovo timeout di coach Steve Kerr

Simone Romani
13.02.2018 15:13
Per coach Steve Kerr è stata una settimana importante. Subito dopo essere stato insignito del titolo di allenatore più veloce a raggiungere quota 250 vittorie, il coach dei Golden State Warriors durante la partita vinta questa notte contro i Phoenix Suns per 83-129, ha deciso di applicare una novità ai suoi timeout. Le pause di gioco infatti sono state assegnate a sorpresa ad alcuni senatori della squadra. In particolare Andre Iguodala e Draymond Green si sono sostituiti al proprio coach e grazie alle loro indicazioni hanno portato a casa una sonora vittoria. Questo ennesimo atto di fiducia del coach conferma ancora una volta come Steve Kerr non solo capisce i momenti della partita, ma anche e soprattutto le emozioni di ogni singolo giocatore. Le sue parole aiutano a capire ancora meglio la decisione presa:
“Gliel’avevo accennato l’altra notte. poi ho preso la decisione che l’avremmo fatto. E' la loro squadra. Penso sia una delle prime cose da considerare in qualità di coach. Non è il tuo team, non è il team di Bob Myers e non è il team di Joe Lacob, anche se sono il General manger e il proprietario. non dirò a Joe di pensarla così.”
Ovviamente L'ironia che contraddistingue il coach è sempre presente, ma l'intenzione di responsabilizzare e rendere speciali i propri giocatori è reale, soprattutto - come anche Steve Kerr ha sottolineato - per fare in modo che la sua voce non sia l'unica da ascoltare durante una partita.
"loro erano stanchi di ascoltarmi. e a dirla tutta anche io ero stanco di ascoltarmi. ci voleva una scossa, e secondo me questa è stata la mossa giusta."
Come conferma anche la loro striscia di tre vittorie consecutive, sette nelle ultime dieci, di certo Steve Kerr non ha per nulla "toppato" con questo esperimento. Anzi come lui conferma non sarà ne' la prima e ne' ultima volta che accadrà, visto e considerato che Andre Iguodala non è nuovo a queste esperienze. L'MVP delle Finals 2015 ha già avuto l'onere di "guidare" una sessione di tiro in riscaldamento, e la giocata che ha disegnato durante il timeout nella notte è stata di pregevole fattura. Le novità in casa Golden State Warriors non sono finite, e Steve Kerr non è mai scontato. Quindi aspettiamoci nuovamente immagini di questo tipo, perchè l'esperimento ha funzionato alla perfezione. Ma mantenendo sempre una cosa ben fissa in mente: ovvero l'obiettivo principale che si chiama vittoria.

Commenti

TIMEOUT | J.R. Smith: una vita tra parquet, errori ed eccessi
#INFERMERIA: Stop di almeno 10 mesi per Kristaps Porzingis