Mercato NBA

Chris Bosh vuole tornare e vincere: con chi potrebbe firmare?

Emanuele
18.02.2018 10:28
Quando il basket ce l'hai veramente nel sangue è difficile se non impossibile dire basta. Lo stesso sangue però in forma di coaguli ha tradito Chris Bosh, penetrando all'interno dei suoi polmoni e costringendolo a dire addio (momentaneo) al basket giocato. Eppure sono passati due stagioni e mezzo da quel giorno in cui la vita dell'ex Miami Heat è stata seriamente in pericolo e dopo averlo ribadito a più riprese, Bosh è pronto a tornare in campo già in questa stagione. Dopo la frustrazione e l'amarezza di essere stato rilasciato dalla sua ex franchigia di South Beach, la quale non gli ha consentito di tornare a giocare per prevenire qualsiasi ulteriore danno alla salute del 2 volte campione NBA, Bosh ha promesso al mondo che sta tornando in forma e che cercherà una squadra in chiara lotta per il titolo. Il suo contratto non rappresenterebbe grossi problemi a nessuna delle franchigie della lega, quindi come riportato da fadeawayworld.com per l'11 volte All-Star si potrebbero aprire le porte di una delle migliori 5 franchigie della NBA:
  • GOLDEN STATE WARRIORS

Chi non vorrebbe giocare per i Golden State Warriors? Sistema di gioco e rotazioni già ben collaudate, Bosh rappresenterebbe un aggiunta importante per Steve Kerr in vista dei playoffs, in grado di allungare il campo grazie alla sua capacità di tirare da dietro l'arco. Un centro alla Golden State insomma, molto bravo anche nell'altra estremità del campo, quella difensiva, potrebbe affiancarsi a Zaza Pachulia nelle rotazioni del coach. Ma CB forse non avrebbe tutti quei minuti a disposizione per dare sfogo alla sua voglia di basket, dal momento che gli Warriors prediligono scendere in campo con il quintetto piccolo. Soprattutto in postseason.
  • HOUSTON ROCKETS

Con un Bosh in più gli Houston Rockets andrebbero ad aumentare notevolmente le proprie chance di sconfiggere i Golden State Warriors in un'ipotetica finale di Western Conference. L'attuale centro della franchigia Clint Capela sta beneficiando a tutto tondo delle capacità tecniche di James Harden e Chris Paul, figuriamoci cosa sarebbero capace di fare con l'ex Miami Heat in campo. Quest'ultimo infatti al contrario di Capela è in grado di tirare da dietro l'arco e con lui sul parquet coach Mike D'Antoni manderebbe ai matti gli avversari.
  • CLEVELAND CAVALIERS

Chris Bosh sa già cosa significa giocare con LeBron James e per LeBron James e con un Kevin Love ancora fermo ai box per l'infortunio alla mano sarebbe un ottimo acquisto per Tyronn Lue. I Cavs infatti hanno perso Channing Frye il giorno della trade deadline e mancano di profondità nel frontcourt. Ecco allora che il cestista nato in Texas potrebbe essere quello stretch four/five che manca in questo momento ai vice campioni NBA.
  • BOSTON CELTICS

Se parliamo di centri, non possiamo non citare i Boston Celtics, da anni a caccia di un vero e proprio big man. Nonostante l'approdo di Greg Monroe in Massachusetts infatti l'ex Bucks sta faticando a trovare ritmo in entrambe le estremità del campo e dunque Bosh rappresenterebbe più di un opzione per la franchigia che al momento sembra la favorita per disputare le NBA Finals quest'anno, ma che presenta evidenti lacune in quella posizione.
  • TORONTO RAPTORS

Naturalmente non possiamo lasciare fuori i Toronto Raptors, che sorprendentemente e fuori dai pronostici stanno dominando la Eastern Conference con l'attuale record di 41 vittorie e 16 sconfitte. Finalmente la franchigia di coach Casey sta giocando ad un livello molto alto e dopo aver scalato la vetta della classifica sembrano rappresentare la principale mina vagante della prossima postseason. Aggiungeteci anche un Chris Bosh in più e le loro percentuali di successo aumenterebbero vertiginosamente. Inoltre per Bosh, che è stato considerato come uno dei migliori giocatori nella storia della franchigia canadese, finire la propria carriera dove tutto ebbe inizio, e magari con un titolo NBA, sarebbe il coronamento della sua carriera cestistica, ma soprattutto di anni e anni di sofferenza.

Commenti

Minnesota Timberwolves: sei una contender oppure no?
Klay Thompson ribadisce: "Non mi muovo da Golden State!"