News

Le percentuali di vittorie delle franchigie della Eastern Conference 2017/18

Antonello Brindisi
15.10.2017 18:20
In previsione della prossima stagione NBA, nel pieno dei workout delle 30 franchigie, i media d'oltreoceano hanno cominciato a tirare le somme di questa "scoppiettante" Free Agency, anticipando le previsioni sulle possibili percentuali di vittorie di ogni singola squadra. Anche se la leadership dei Golden State Warriors non sembra essere stata messa in discussione, il mercato NBA ha comunque alterato i valori messi in luce al termine delle scorsa stagione. Andiamo dunque a dare uno sguardo alla possibile classifica della stagione 2017/18 soffermandoci sulla potenziale percentuale di vittorie. Ci baseremo sulle valutazioni fatte dalle medie del Real Plus-Minus, meglio conosciuto con l'acronimo di RPM, messe in luce dall'emittente americana ESPNQuesta media serve a stabilire due classifiche, una per la fase offensiva (ORPM) ed una per la fase difensiva (DRPM), con la quale poter stabilire l'efficacia delle singole franchigie. Il calcolo viene applicato in base alle medie della scorsa stagione NBA e NCAA (ricavata ogni 230.000 possessi) dei singoli giocatori e delle rispettive squadre. A tutto ciò ci aggiungeremo le possibili percentuali di vittorie stilate da noi di GazzettaNBA e infine faremo una media di entrambe. In quest'articolo analizzeremo le 15 franchigie della Eastern Conference: i Boston Celtics ed i Cleveland Cavaliers sembrano poter continuare la propria sfida per la leadership dell'Est, mentre alle loro spalle la lotta per un posto nella griglia dei Playoffs pare tutt'altro che scontata. [nextpage title="1° Boston Celtics" ]

 1° Boston Celtics

  • previsione percentuale vittorie ESPN: 61%.
  • previsione percentuale vittorie GazzettaNBA: 68%.
  • media percentuale vittorie: 65%.
Nel 2016/17 Boston ha stupito l'intera NBA con una fantastica stagione da 53 vittorie e l'approdo alle Fnali di Conference. L'aggiunta di due All-Star come Gordon Hayward e Kyrie Irving porterà sicuramente dei benefici al roster dei Celtics, garantendo così a Stevens una reale contender. Secondo il RPM il differenziale di 2.6 punti a favore, unito all'ottima media difensiva di 33.2 nella realizzazione concessa agli avversari nel tiro da tre punti (la seconda per efficacia) proietta i bianco-verdi verso il primo posto ad Est. Per quanto riguarda la percentuale di vittorie dei Celtics, bisogna ammettere che la franchigia del Massachusetts ha dato prova del proprio valore grazie all'eccellente lavoro tattico svolto da Stevens in questi anni. La rinascita di Boston passa inevitabilmente dalle sue idee di gioco e, l'acquisto di un uomo di fiducia come Hayward e di un fuoriclasse già decisivo come Irving dovrebbero consentire ai bianco-verdi di proiettarsi, dopo due anni da cenerentola della Eastern Conference, in una grande e solida realtà. [/nextpage] [nextpage title="2° Cleveland Cavaliers" ]

 2° Cleveland Cavaliers

  • previsione percentuale vittorie ESPN: 60%.
  • previsione percentuale vittorie Gazzetta NBA: 67%.
  • media percentuale vittorie: 64%.
Risolto il "caso dell'estate" Kyrie Irving, possiamo finalmente avere la valutazione esatta del RPM di Cleveland. Con la partenza del playmaker di origini australiane, le possibilità di mantenere quella qualità che consentirebbe ai Cavs di ottenere all'incirca 50 vittorie stagionali potrebbero essersi ridotte, La franchigia paga sicuramente la momentanea assenza di Isaiah Thomas, playmaker e soprattutto "All-Star" che non dovrebbe far rimpiangere la partenza"Uncle Drew". Bisognerà inoltre valutare l'inserimento di un elemento di equilibrio come Jae Crowder e l'impatto del rookie Ante Zizic con il basket d'oltreoceano. Discorso completamente diverso per Dwyane Wade: il tre volte campione NBA è probabilmente il miglior supporto possibile per LeBron, amico e compagno di numerosi successi. Nonostante l'acquisto di "Flash", la rincorsa di Cleveland a Golden State appare sempre più difficile, considerando anche che i Cavaliers hanno al momento il roster più "anziano" della lega; ben al di sopra dell'età media delle altre franchigie. La fortuna della franchigia dell'Ohio ha solo un nome e un solo cognome: LeBron James. Il "Re" potrebbe alzare il proprio livello di gioco, trasformandosi da leader di un gruppo ad un trascinatore (ironia della sorte in stile Kobe Bryant) molto più vicino al giocatore ammirato nella prima parentesi in Ohio. L'esperienza insegna che non è mai una scommessa sicura puntare contro LeBron, atteso probabilmente alla stagione più difficile della propria brillante carriera. Paradossalmente James ha la possibilità di entrare ancora una volta nella storia della NBA, vedremo se l'amore e il rispetto della città riuscirà a spronare l'immenso talento del numero ventitre [/nextpage] [nextpage title="3° Washington Wizards" ]

 3° Washington Wizards

  • previsione percentuale vittorie ESPN: 59%.
  • previsione percentuale vittorie Gazzetta NBA: 60%
  • media percentuale vittorie: 60%.
Washington presenta praticamente lo stesso roster dello scorso anno, con il quale ha raggiunto le 49 vittorie. Gli Wizards sono quinti nella classifica del rendimento dei propri giocatori al rientro in partita, così viene spontaneo pensare che una maggior costanza di rendimento porterà la squadra allenata da Scott Brooks verso un record molto simile al 49-33 della passata stagione. La costanza paga e, se il faro della franchigia John Wall si ripeterà al livello dell'ultima post season, il record di Washington potrebbe addirittura crescere: il fattore x sarà l'approccio e la produzione offensiva di Bradley Beal unita all'efficacia del sistema difensivo messo in piedi da coach Brooks. [/nextpage] [nextpage title="4° Milwaukee Bucks" ]

 4° Milwaukee Bucks

  • previsione percentuale vittorie ESPN: 57%.
  • previsione percentuale vittorie Gazzetta NBA: 58%.
  • media percentuale vittorie: 58%.
Milwaukee dovrebbe essere una delle conferme di questa Eastern Conference grazie al talento e alla continua crescita delle sue giovani stelle. Il roster dei Bucks è terzo dietro i Lakers ed i Suns per la giovane età complessiva e Giannis Antetokounmpo e compagni dal punto di vista del rendimento saranno sicuramente desiderosi di migliorarsi ancora. Miglioramento che li potrebbe spingere fino al quarto posto in classifica. Giannis Antetokounmpo è pronto alla stagione della "consacrazione" in NBA, la crescita della propria "All-Star" potrebbe garantire ai Bucks una formidabile arma a tutto campo in grado di elevare il valore totale del roster di Milwaukee. [/nextpage] [nextpage title="5° Toronto Raptors" ]

 5° Toronto Raptors

  • previsione percentuale vittorie ESPN: 52%.
  • previsione percentuale vittorie Gazzetta NBA: 57%.
  • media percentuale vittorie: 55%.
Toronto ha probabilmente la previsone più sorprendente della lega. I Raptors potrebbero non meritare questa "severa punizione" dal RPM ma, la partenza di Patterson ha fatto scendere il roster dei canadesi al dodicesimo posto di entrambe le classifiche del RPM. L'anno precedente era decima in entrambi i lati del parquetcon Patterson che era infatti il secondo giocatore più incisivo sul RPM dopo Serge Ibaka. I Raptors hanno comunque conservato il proprio "scheletro", così da poter mantenere comunque un buon livello di gioco. Molto dipenderà dal talento di DeMar DeRozan e Kyle Lowry, veri e propri alfieri della franchigia del Nord ma la lotta per un posto nella Finals di Conference appare sempre più complicata. [/nextpage] [nextpage title="6° Miami Heat" ]

 6° Miami Heat

  • previsione percentuale vittorie ESPN: 51%.
  • previsione percentuale vittorie Gazzetta NBA: 55%.
  • media percentuale vittorie: 53%.
Miami ha mostrato tutto il suo valore con una seconda parte di stagione incredibile da 30-11 e, i rinnovi di Dion Waiters e James Johnson dovrebbero garantirne la continuità. Gli Heat hanno tirato con la percentuale del 39.0 dalla linea dei tre punti in 41 partite, concedendo agli avversari, nelle ventidue partite finali, la media del 32.9 sempre dall'arco. Inoltre la franchigia di South Beach dalla prossima stagione potrà contare nuovamente sul talento di Justise Winslow, ormai prossimo al rientro dopo l'infortunio. Gli Heat hanno costruito un gruppo di giocatori sano e motivato, la maggior parte del merito è da attribuirsi a Pat Riley, vera e propria arma in più della franchiga, capace di risollevare una squadra rimasta orfana dei propri simboli dopo i recenti successi. [/nextpage] [nextpage title="7° Charlotte Hornets" ]

 7° Charlotte Hornets

  • previsione percentuale vittorie ESPN: 53%.
  • previsione percentuale vittorie Gazzetta NBA: 49%.
  • media percentuale vittorie: 51%.
Charlotte dovrebbe essere la vera sorpresa della classifica secondo il RPM. Con un solo anno d'assenza gli Hornets dovrebbero quindi tornare alla postseason. La spiegazione sarebbe nel differenziale a fine partita di 0.2 punti nelle sconfitte subite: elemento comunemente traducibile con un record finale di 41-41. Inoltre l'assenza di Cody Zeller dallo starting five in venti partite stagionali ha portato ad un 3-17 che ha spento le speranze dei giocatori. La presenza di Dwight Howard come alternativa a Zeller dovrebbe quindi portare un grande beneficio al roster. [/nextpage] [nextpage title="8° Philadelphia 76ers" ]

 8° Philadelphia 76ers

  • previsione percentuale vittorie ESPN: 40%.
  • previsione percentuale vittorie Gazzetta NBA: 53%.
  • media percentuale vittorie: 47%.
Philadelphia ha aggiunto due elementi validi per il RPM come J.J. Redick e Amir Johnson, ma questo non sembra bastare per la postseason, anche l'eventuale stagione esplosiva della prima scelta assoluta Markelle Fultz. Non ce ne vogliano i giovani talenti di Philadelphia, ma il RPM è influenzato dai minuti passati sul parquet. "The Process" potrebbe comunque garantirsi una stagione al di sopra delle 33 vittorie. L'entusiasmo è contagioso in casa Sixers ma non bisogna illudersi: il talento tanto decantato deve ora essere messo in pratica sul parquet. La "fame di vittorie" è tanta, bisognerà valutare l'impatto dei rookie attesi all'esordio ma coach Brett Brown ha dimostrato nell'ultima stagione di avere in pugno la squadra. Riusciranno i giovani Sixers guidati dal leader carismatico Joel Embiid a raggiungere i PO? Il Wells Fargo Center è pronto a scommetterci. [/nextpage] [nextpage title="9° Detroit Pistons" ]

 9° Detroit Pistons

  • previsione percentuale vittorie ESPN: 43%.
  • previsione percentuale vittorie Gazzetta NBA: 49%.
  • media percentuale vittorie: 46%.
Detroit si ritrova all'ottavo posto nonostante la perdita di un giocatore importante nel proprio equilibrio come Kentavious Caldwell-Pope. Lo scambio Morris-Bradley potrebbe dare i suoi frutti, ma la distanza dalle altre squadre appare netta. Il RPM è calato drasticamente rispetto allo scorso anno e la lotta all'ultimo posto utile per i PO è comunque aperta. Tuttavia alla fine potrebbero spuntarla la ciurma di Stan Van Gundy. [/nextpage] [nextpage title="10° New York Knicks" ]

 11° New York Knicks

  • previsione percentuale vittorie ESPN: 39%.
  • previsione percentuale vittorie Gazzetta NBA: 39%.
  • media percentuale vittorie: 39%.
New York sembra aver finalmente fugato i dubbi sul proprio futuro. Carmelo Anthony  ha finalmente risolto il suo "burrascoso" rapporto con la dirigenza dei Knicks ritrivando il sorriso ad Oklahoma City. Nella Grande Mela sono arrivati Enes Kanter e Doug McDermott oltre al "figliol prodigo" Tim Hardaway Jr: giocatori affidabili ma di certo non paragonabili all'ex stella dei Knicks. I Palyoffs appaiono ancora troppo lontani per i tifosi del Madison Square Garden, rassegnati all'ennesima stagione avara di soddisfazioni. Le speranze sono riposte in Kristaps Porzingis (vero e proprio "perno" della rebuilding di New York), nel rookie Frank Ntilikina e nel giovane Ron Baker. Forse troppo poco per poter ambire a qualcosa di più, almeno per ora... [/nextpage] [nextpage title="11° Orlando Magic" ]

 10° Orlando Magic

  • previsione percentuale vittorie ESPN: 39%.
  • previsione percentuale vittorie Gazzetta NBA: 39%.
  • media percentuale vittorie: 39%.
Orlando viene data come undicesima ad Est con grande ottimismo per il RPM, influenzato dall'arrivo di Marreese Speights. Il veterano NBA non basterà però ai Magic, destinati ad una stagione nei bassifondi della Conference. Tuttavia l'acquisizione di una struttura di gioco ben definita, potrebbe rappresentare già una piccola vittoria per la franchigia allenata da coach Frank Vogel. [/nextpage] [nextpage title="12° Indiana Pacers" ]

 12° Indiana Pacers

  • previsione percentuale vittorie ESPN: 39%.
  • previsione percentuale vittorie Gazzetta NBA: 34%.
  • media percentuale vittorie: 37%.
Per giustificare il probabile 12esimo posto dei Pacers, basta pensare che Indiana ha perso Paul George e Jeff Teague in questa Free Agency facendo così crollare definitivamente il proprio RPM. Non una bellissima notizia per i tifosi dei Pacers, rassegnati ad una stagione nell'anonimato con la speranza di risalire presto la china. [/nextpage] [nextpage title="13° Chicago Bulls" ]

 13° Chicago Bulls

  • previsione percentuale vittorie ESPN: 35%.
  • previsione percentuale vittorie Gazzetta NBA: 34%.
  • media percentuale vittorie: 35%.
Chicago è con ogni probabilità la franchigia più in difficoltà dopo il mercato NBA estivo. La trade di Jimmy Butler unita alle partenze di Dwyane WadeRajon Rondo hanno dimezzato il RPM, inoltre la contropartita dell'affare, Zach LaVine, viene considerata come uno dei peggiori scambi del mercato. Vedremo se i tanti giovani presenti in rosa, su tutti Kris Dunn e Lauri Markkanen, riusciranno a formare un affiatato e promettente gruppo sul quale fondare la rebuilding per le le prossime stagioni. [/nextpage] [nextpage title="14° Brooklyn Nets" ]

 14° Brooklyn Nets

  • previsione percentuale vittorie ESPN: 37%.
  • previsione percentuale vittorie Gazzetta NBA: 31%.
  • media percentuale vittorie: 34%.
Brooklyn tra le numerose decadute ad Est pare essere comunque in un trend migliore delle altre, soprattutto rispetto alle stagioni precedenti. L'acquisto di D'Angelo Russell e DeMarre Carroll e Allen Crabbe ha risollevato il RPM del roster, garantendo per lo meno alla franchigia qualche vittoria in più e la possibile fuga dall'ultimo posto della Eastern Conference. [/nextpage] [nextpage title="15° Atlanta Hawks" ]

 15° Atlanta Hawks

  • previsione percentuale vittorie ESPN: 33%.
  • previsione percentuale vittorie Gazzetta NBA: 29%.
  • media percentuale vittorie: 31%.
Atlanta è in evidente rebuilding e la partenza di Paul Millsap non poteva che pesare gravemente sul RPM. Gli uomini d'esperienza degli Hawks sono contati e si punta quindi molto sulla crescita dei giovani talenti. Una menzione particolare va fatta per Dennis Schroder, Kent Bazemore e per il nuovo arrivato Marco Belinelli, giocatori chiamati a dettare la strada alle giovani promesse presenti le roster, come ad esempio il rookie John Collins. Bisognerà inoltre valutare la situazione contrattuale di Richard Jefferson, giocatore appena arrivato dai Cleveland Cavaliers. [/nextpage]

Commenti

Le percentuali di vittorie delle franchigie della Western Conference 2017/18
UFFICIALE: Missione compiuta per Cleveland, Jefferson e Felder passano agli Hawks