Cleveland Cavaliers

LeBron James perde le staffe con i compagni. Sarà addio?

All'ennesima prova sottotono dei suoi compagni di squadra il Re ha perso la pazienza. La frattura sembra insanabile, lascerà Cleveland?

Gabriele Scaglione
09.06.2018 16:28

 

La stagione NBA 2017-2018 si è appena conclusa con il meritatissimo trionfo dei Golden State Warriors che hanno così portato a casa il terzo titolo negli ultimi 4 anni. Neanche il tempo di celebrare gli uomini di Steve Kerr, però, che le telecamere di ESPN sono andate a cercare l'altro protagonista di questi Playoffs: LeBron James.

 

A 33 anni suonati il Re ha vissuto la miglior stagione della sua carriera; è diventato il giocatore più giovane a toccare quota 31.000 punti, è attualmente in corsa per l'MVP ma soprattutto ha condotto praticamente da solo i Cleveland Cavaliers alla loro quarta finale consecutiva. Contro gli Warriors, però, il suo talento non è bastato e i suoi compagni non lo hanno supportato come sperava.

 

E così per lui è arrivata la sesta sconfitta nelle Finals, la quarta e forse anche l'ultima con la maglia dei Cleveland Cavaliers. A breve, infatti, il Re diventerà free agent e al momento le possibilità che possa rimanere in Ohio non sono così alte. D'altronde James vuole vincere e ha capito che farlo a Cleveland ora come ora è quasi impossibile.

 

Non solo perché già dal prossimo anno le dirette concorrenti ad Est potrebbero rinforzarsi e non poco ma anche perché, togliendo LeBron, l'attuale roster dei Cavs ha dimostrato di non essere minimamente in grado di lottare per il titolo. D'altro canto, senza James sul parquet, Cleveland si è dimostrata una squadra distratta e assolutamente priva di idee.

 

 

Neanche Kevin Love, Tristan Thompson e J.R. Smith, gli unici reduci rimasti del successo di due anni fa, sono riusciti a dare una mano al Re. L'ultimo, poi, ha avuto, suo malgrado, un ruolo assolutamente determinante nella sconfitta subita in Gara-1, nella quale ha gettato via la palla della possibile vittoria con una giocata scellerata e del tutto priva di senso.

 

Una partita in cui i Cavaliers, grazie soprattutto ad un LeBron da 51 punti, avevano dato l'illusione di potersela giocare alla pari contro Stephen Curry e compagni. L'ingenuità di Smith, però, ha fatto perdere definitivamente la pazienza a James che in preda alla rabbia ha spaccato in due una lavagna di plastica, procurandosi un infortunio alla mano che lo ha accompagnato per il resto della serie, nonostante la notizia sia stata diffusa soltanto post gara 4.

 

Ma la lavagnetta non è l'unica cosa che si è spaccata. Nel postmatch di Gara-1 molto probabilmente si è rotto anche qualcosa nello spogliatoio dei Cavs. Nelle successive 3 partite, infatti, i giocatori di Cleveland, J.R. e LeBron su tutti, hanno battibeccato spesso sia in campo che durante i timeout finché nel terzo quarto di Gara-4 il Re non ha deciso di sfogare la sua furia sui propri compagni.

 

La scena, ripresa da ESPN, mostra il nativo di Akron rassegnato e frustrato dalla mancanza di impegno della sua squadra. E' vero, non è la prima volta che vediamo James perdere le staffe con i suoi ma la sensazione stavolta è che questa potrebbe essere l'ultima. Insomma, il futuro del Re è ancora incerto ma una è cosa sembra essere ormai sicura: questi Cavs potrebbero non farne parte.

Commenti

DeAndre Jordan vuole Chris Paul, Capela saluta i Rockets?
Detroit trova il suo nuovo allenatore: sarà Dwane Casey!