Mercato NBA

Nowitzki come Carter e Ginobili: continuerà?

Attraverso un'intervista al New York Times, Nowitzki ha aperto le porte ad un altro anno nella lega. Continuerà o sarà ritiro?

Gabriele Scaglione
29.03.2018 22:28

“Per il momento sto pensando di continuare”

Con queste parole, riportate dalle pagine del New York Times, Dirk Nowitzki chiude, almeno per ora, le porte del suo ritiro. Il fuoriclasse tedesco, nonostante abbia ormai 39 e rotti anni, non sembra aver perso la voglia di giocare e ha intenzione di onorare interamente il contratto biennale da 10 milioni di dollari firmato lo scorso Giugno.

D'altro canto i Dallas Mavericks non sembrano ancora pronti a fare a meno di Nowitzki. A poco meno di 4 mesi dal suo 40° compleanno, infatti, l'MVP delle Finals 2011 è in grado di offrire ancora un contributo fondamentale per la squadra come testimoniano i 12.1 punti e 5.7 rimbalzi di media che fanno di lui il 4° miglior realizzatore e il 2° miglior rimbalzista della franchigia.

Ma non solo, Nowitzki potrebbe rappresentare anche il punto di riferimento ideale per i giovani che popoleranno il roster dei Mavericks dopo l'inevitabile rebuilding della prossima estate. Un elemento chiave nelle dinamiche dello spogliatoio, uno stakanovista che alla sua ventesima stagione nella lega è ancora in grado di migliorarsi.

Rispetto alla trionfale stagione 2010/2011, infatti, ha migliorato le sue percentuali dalla linea dei tre punti (41.3% quest'anno, 39.3% 7 anni fa) e da quella dei tiri liberi (90.4% vs 89.2). Inoltre il suo impiego in campo continua ad essere considerevole come dimostrano i suoi 24.8 minuti di media di permanenza sul parquet e le 73 partite giocate finora (ne ha saltata soltanto una).

Insomma, insieme a Manu Ginobili, Nowitzki sta dimostrando sia a parole che con i fatti che l'età non è un problema quando ci sono la passione e la voglia di fare. Ma ciò potrebbe non essere sufficiente. Nonostante la sua intenzione sia quella di continuare a giocare, infatti, il tedesco ha allo stesso tempo un forte desiderio di rimanere vicino alla famiglia.

Perciò ha deciso che aspetterà la fine del mese per comunicare la sua decisione definitiva che prenderà dopo aver parlato con la moglie e con il suo agente. Se decidesse di rispettare il suo accordo con i Mavericks arriverebbe alla sua 21esima stagione NBA diventando, al pari di Kevin Garnett, il giocatore con più annate nella lega. Se decidesse di ritirarsi, invece, c'è già uno spazio interamente dedicato a lui nella Hall of Fame. Sta a lui stabilire quando riempirlo.

Commenti

I motivi del successo dei Portland Trail Blazers
Justin Jackson si rende eleggibile al Draft 2018