Washington Wizards

John Wall vs Marcin Gortat: si sgretola lo spogliatoio di Washington?

14.02.2018 23:06
Ultimamente non tira affatto una buona aria nella Capital City. E' vero, i Washington Wizards sono quarti nella Eastern Conference e solamente 2 partite li separano dal terzo posto attualmente occupato dai Cleveland Cavaliers (che però sembrano in ripresa dopo il terremoto della trade deadline). Eppure la situazione all'interno dello spogliatoio è più delicata di quanto si possa immaginare. D'altronde la debolezza interna di Washington risulta evidente quando affronta squadre con score negativo. Contro le franchigie dal record inferiore al 50%, infatti, gli Wizards hanno raccolto appena 9 vittorie uscendo sconfitti in ben 10 occasioni. Insomma, un bottino decisamente amaro per una squadra che con le big, invece, se la gioca fino alla fine sempre e comunque. Secondo John Wall alla base di queste inspiegabili battute d'arresto ci sarebbe la scarsa attitudine al gioco di squadra dei Wizards:
“Non voglio dire che siamo una squadra egoista ma abbiamo dei momenti nel match in cui lo diventiamo. Contro gli Atlanta Hawks, per esempio, è stato un continuo coro di io, io, io perché giocavamo contro un avversario abbordabile e ognuno di noi pensava di poterla risolvere da solo”.
Le parole del numero 2 non sono passate inosservate e qualcuno nello spogliatoio non le ha prese bene. Chi sicuramente le ha mal digerite è il centro polacco Marcin Gortat che ha approfittato della vittoria casalinga dello scorso 2 febbraio contro i Toronto Raptors per lanciare una fracciatina via Twitter a Wall, assente dal match per infortunio:
“Incredibile vittoria stasera! Grandissima vittoria “di squadra”!“
Insomma sembra quasi che Gortat abbia voluto evidenziare che senza il playmaker cresciuto nel Kentucky gli Wizards giocano in maniera più fluida e altruistica. Naturalmente John Wall è rimasto a dir poco sorpreso dalle parole del suo compagno di squadra e ovviamente non gliele ha mandate a dire, sottolineando che gran parte dei canestri del polacco (68 su 210) nascono da suoi assist:
“Sono rimasto esterrefatto dalle sue parole soprattutto perché la stragrande maggioranza dei suoi canestri sono assistiti da me. Mai nessuno è stato imboccato col cucchiaio così tanto. Se qualcuno ha qualche problema con me dovrebbe farsi avanti e parlarmene di persona.”
Parole forti che hanno messo in allarme coach Scott Brooks, il quale ha visto il suo spogliatoio sgretolarsi di fronte ai suoi occhi. Per sua fortuna, però, sembrerebbe che Gortat abbia accolto l'invito di Wall e che, faccia a faccia, abbiano chiarito una volta per tutte la vicenda. Tutto risolto quindi? Per il momento pare di sì, ma non è da escludere che si sia trattato di una semplice tregua per non compromettere la corsa ai playoffs degli Wizards. Una cosa è certa, da quando John Wall è ai box i Wizards sono 6-2. Dunque, Gortat ha ragione? Lo scopriremo a fine marzo quando Wall dovrebbe rientrare sul parquet. Qualunque sia la risposta, comunque, a uno dei due non piacerà affatto.

Commenti

I SIGNORI DELLA NBA: Michael Jordan
Boston Celtics: l'altro lato della medaglia