Ovest

Dove è finito il talento di Lonzo Ball?

Alessio Bonavoglia
09.11.2017 23:02
Lo avevamo un po' tutti immaginato che, nel bene e nel male, Lonzo Ball sarebbe stato un grande protagonista di questa stagione NBA. La voglia e la curiosità di vederlo giocare in questa lega era tanta, soprattutto dopo un campionato pazzesco con UCLA in NCAA. Tuttavia in questa prima parte di stagione, la point guard dei Los Angeles Lakers non ha molto convinto. Insomma, è vero che magari ci siamo fatti trasportare un po' dalle parole del padre Lavar, ma indubbiamente le skills messe in mostra da Lonzo al college facevano pensare ad un giocatore già fortissimo. Indubbiamente è un cestista dotato di un grandissimo talento, ma cosa gli sta impedendo in questo inizio di stagione di esprimere al meglio il suo potenziale?
  • PRESSIONE

Una causa potrebbe essere la pressione, che è un nemico contro cui tutti i giocatori scelti in alto al Draft (e non solo) devono combattere. Lonzo non solo è stato scelto come numero 2, ma è stato selezionato da una franchigia importante come i Los Angeles Lakers, che gli hanno anche affidato il compito di essere la guida principale della rebuilding. La pressione del padre, che, tra le tante cose, ha affermato che Ball sarà la miglior point guard di sempre insieme a Magic Johnson. La pressione dello stesso Magic, che gli ha detto che si aspettano che diventi un Hall of Famer. Più ovviamente quella dei media. Non proprio il massimo per un ragazzo di appena 20 anni.
  • DISTRAZIONI

Un ragazzo che deve anche sopportare le mille distrazioni causate dalla famiglia. La famiglia Ball infatti, è protagonista di un reality show, e inoltre porta avanti il marchio Big Baller Brand. Per non parlare della "bravata" del fratello LiAngelo in Cina... (clicca qui).
  • MANCANZA DI FIDUCIA?

Ma oltre questi problemi "fuori campo", Lonzo Ball ha riscontrato una grande difficoltà a far canestro. Tolti i 29 punti contro Phoenix, il giocatore dei Lakers non è mai stato realmente incisivo in attacco: solo due volte in questa stagione è andato in doppia cifra per quanto riguarda i punti. Molto male al tiro: infatti, nel pitturato risulta il peggiore della lega, con il 34.4% a partita. Male anche da dietro l'arco, dove è il secondo peggiore: 25%. Da tre, nonostante la sua famosa meccanica di tiro rivedibile, nella sua carriera pre NBA ha sempre fatto molto bene. Dunque questo fa pensare quasi ad una una mancanza di fiducia. Che sia proprio il modo di tirare che non è all'altezza della lega in cui gioca? Che abbia bisogno di migliorarla? O invece il suo è un problema di testa? O di fisico? O semplicemente ha bisogno di un altro po' di tempo per ambientarsi nella lega?

Commenti

La grande fuga (ad ovest)
Omri Casspi e il sorriso ritrovato grazie a Steve Kerr