Ovest

Una serata da dimenticare per Klay Thompson e gli Warriors

24.12.2017 18:17
Fine corsa per i Golden State Warriors. Dopo 11 vittorie consecutive la striscia vincente degli uomini di coach Steve Kerr è giunta al capolinea e lo ha fatto nel peggior modo possibile. Gli Warriors, infatti, sono stati sconfitti nella notte dai Denver Nuggets per 96-81. Una gara giocata decisamente sottotono dalla squadra della Baia che ha tirato con poco più del 36% dal campo e addirittura con l'11% dall'arco (3/27), percentuali più uniche che rare per i campioni NBA in carica. L'emblema di una serata da dimenticare per Golden State è stata la prestazione di Klay Thompson che ha chiuso la propria partita con 6/21 nel pitturato e con solamente 1 tripla a referto su 10 tentativi. Risultato immagine per klay thompson stats Insomma l'assenza di Stephen Curry (out a tempo indeterminato per un infortunio alla caviglia) si è fatta sentire eccome dal punto di vista realizzativo. Thompson, difatti, non sembra essere ancora in grado di caricarsi sulle spalle la squadra nei momenti topici come ha sempre fatto fino a un paio di settimane fa il suo Splash Brother. Non solo, la performance del californiano ha mandato su tutte le furie il suo compagno di squadra Draymond Green che a metà del terzo quarto ha provato a scuoterlo urlandogli in faccia. Nel post match Thompson ha commentato così l'episodio:
Me lo sono meritato. Questo è quello che si fa tra compagni di squadra quando ci si fida uno dell'altro. Spero lo faccia anche la prossima volta.”
Risultato immagine per draymond green Il numero 11 ha poi sottolineato come dopo 11 vittorie consecutive un leggero calo sia più che fisiologico. Quando invece gli è stato chiesto se sulla battuta di arresto poteva aver inciso la fatica accumulata nella gara giocata soltanto 24 ore prima contro i Los Angeles Lakers ha risposto:
“Forse abbiamo pagato anche quello.”
Una cosa è certa, i segnali arrivati dalla sconfitta contro i Nuggets non sono affatto confortanti, specialmente in vista del big match di Natale contro i Cleveland Cavaliers. Come se non bastasse gli Warriors dovranno fare a meno di Curry anche contro i Cavs. Tuttavia potrebbero avere dalla loro un Klay Thompson più che mai desideroso di riscatto. Se così non fosse c'è comunque Draymond Green sempre pronto a caricarlo.

Commenti

Rivalità e fratellanza: il sanguinoso dualismo tra Magic Johnson e Isiah Thomas!
E se Serge Ibaka non stesse scherzando?