Trade

Anthony Bennett, ennesimo cambio di maglia nella sua infelice carriera

29.12.2017 15:57
Non c'è pace per Anthony Bennett. Poco più di 4 anni fa, quando fu selezionato con la prima scelta assoluta dai Cleveland Cavaliers, il giocatore canadese sembrava un predestinato. Da allora, però, la sua carriera ha subito un lento ed inarrestabile declino e ad oggi Bennett viene considerato una delle peggiori prime scelte della storia. Al suo anno da rookie in maglia Cavs ha giocato poco meno di 13 minuti di media raccogliendo appena 4.2 ppg. Poco fortunate anche le stagioni successive a Minnesota, Brooklyn e soprattutto Toronto. Nella sua città natale Bennett ha infatti vissuto la sua annata NBA più difficile, chiusa con neanche 2 punti di media a partita. Nel mezzo le esperienze in D-League con le casacche di Raptors 905 e Long Island Nets che lo hanno reso l'unica prima scelta assoluta ad aver mai giocato nella lega di sviluppo. Nel gennaio del 2017 Bennett decide che forse è meglio cambiare aria e si trasferisce oltreoceano, in Turchia. Qui firma un contratto 1+1 con il Fenerbahce. Alla corte di Zeljko Obradovic il canadese si laurea campione d'Europa, ma è tutt'altro che protagonista. A Istanbul, infatti, gioca soltanto 10 partite facendo registrare la media punti più bassa della sua intera carriera: 1.2. Completamente fuori dalle rotazioni di Obradovic, Bennett torna in “patria” e firma con i Phoenix Suns. In Arizona il canadese vede nuovamente spalancarsi le porte della NBA, ma il sogno dura poco. A metà ottobre, infatti, Bennett viene rispedito in G-League, ai Northern Arizona Suns. Anche qui, però, è considerato un peso e per questo motivo ieri è finito in una trade che lo ha portato ai Maine Red Claws, franchigia di sviluppo affiliata ai Boston Celtics. Ad appena 24 anni Bennett viene già ritenuto un giocatore finito e svuotato, una promessa non mantenuta. Ai tempi del college veniva paragonato a Larry Johnson, ex NBA All-Star, ad oggi invece la sua carriera ha visto più cambi di maglia che punti di media a referto. Forse Bennett ha subito la pressione dell'essere il primo canadese di sempre ad essere selezionato con la prima scelta assoluta. Sta di fatto che in quel Draft i Cavaliers avrebbero potuto scegliere giocatori come Giannis Antetokounmpo e Victor Oladipo e invece hanno scelto Anthony Bennett.

Commenti

La teoria del numero zero
La musica potrebbe risuonare per gli Utah Jazz