NCAA & Draft

Michael Porter Jr: futura stella o scommessa troppo rischiosa?

L'ala piccola proveniente dal Missouri ha accusato problemi alla schiena e ha annullato gli ultimi workout pre draft.

Guido Boldoni
15.06.2018 19:14

Siamo onesti, Micheal Porter jr, è senza dubbio il prospetto più intrigante del draft nel rapporto potenziale/scelta e i paragoni che si sono spesi hanno infiammato in questi mesi gli scout della Nba.

Il ragazzo del Missouri è potenzialmente un uomo franchigia, un giocatore completo, di grande personalità ma soprattutto con un talento enorme i cui confini non sono del tutto chiari. Ovviamente i problemi fisici che gli hanno fatto perdere praticamente tutto l’ultimo di anno di college rappresentano un problema per le squadre che lo cercano. Se avesse avuto una forma perfetta il ragazzo non sarebbe sceso sotto la 3, invece oggi la sua scelta si aggira tra la 6 e la 9, ma i dubbi non finiscono qui.

Ulteriori problemi muscolari alla schiena lo hanno obbligato ad annullare gli ultimi work-out in vista del draft e questo getta ulteriore benzina sul fuoco: il ragazzo è pronto per la NBA? Quali sono le sue reali condizioni? Sarebbe un rischio altissimo per alcuni team con scelte alte buttarsi su di lui, e le possibilità che non si riprenda mai del tutto non lo rendono certo più appetibile.

Ad essere onesti bisogna ammettere che questo è in assoluto uno dei draft più incerti di sempre perché i dubbi dalla seconda scelta in poi sono enormi e si susseguono una marea di supposizioni tra i media americani, mai concordi tra loro. Quale potrebbe dunque essere il futuro dell’ala piccola paragonata giustamente a sua maestà Kevin Durant?

Ci sono buone possibilità che salti direttamente fino alla settima/ottava scelta, dove lo accoglierebbero a braccia aperte due squadre alla ricerca di un futuro.

I Chicago Bulls da una parte potrebbero prendere la stella su cui rifondare e continuare a seguire la linea giovane e i Cleveland Cavaliers dall'altra che, dovendo probabilmente rinunciare a Lebron James, potrebbero scegliere il ragazzo come tassello iniziale della rebuilding obbligatoria.
Qual è il futuro per questo grandissimo prospetto dall'ossatura un po' fragile?

Commenti

Rivoluzione a Memphis: via Gasol, Parsons e la scelta n°4?
NBA Draft, cambia tutto. Addio al one-and-done?