New York Knicks

Michael Beasley: l'uomo MVP che non ti aspetti

Simone Romani
22.12.2017 18:51
Nessuno ad inizio stagione si aspettava che le vittorie dei New York Knicks passassero per le mani di Michael Beasley. Eppure stavolta è stato commesso un grande errore. Michael Beasley, che certamente ha fatto molto parlare di se in passato, sembra aver finalmente capito quale strada seguire ed i risultati sono evidenti.
"MVP, MVP, MVP!"
Questa è addirittura la voce che si è elevata al Madison Square Garden, che ha fatto stupire tutti gli amanti del gioco. Eh no, non è indirizzata a Kristap Porzingis, che registra uno sconsolate 0/11 al tiro. Il coro è tutto per Michael Beasley che ha fatto registrare il suo career high nella partita contro i Boston Celtics, composto da 32 punti e 12 rimbalzi: numeri da vera star. Ma se pensiamo che li ha fatti subentrando dalla panchina ed in soli 25 minuti, tutto acquisisce un senso quasi "divino".
“Michael Beasley ci ha salvati, in particolare ha salvato il sottoscritto.”
Queste sono state le parole di Kristaps Porzingis, che ci permettono di capire quanto Michael Beasley sia diventato fondamentale per questa squadra. In estate con la cessione di Carmelo Anthony, i pensieri che hanno attraversato i tifosi dei New York Knicks non erano dei migliori. Ma con il record di ieri notte, record perchè cifre precedenti non sono mai state registrate da una riserva NBA, Michael Beasley si è incoronato come nuovo Re della Grande Mela. A questo punto non si può più parlare di casualità. Michael Beasley è diventato una certezza, lo dimostra la facilità con cui attacca l'avversario e conclude l'azione. Non a caso la sua media ha subito un'impennata, parliamo del 60% di punti su azione. impressionante se pensiamo che, come già detto in precedenza, la maggior parte delle volte subentra dalla panchina. MB ha capito gli errori del passato. Ha cercato con tutte le sue forze di sprecare un talento nato solamente per giocare a Basket, è stato messo in discussione cacciato e poi tornato per far vedere di cosa veramente è capace, perchè come lui stesso ha detto ieri sera ha detto:
"Da quando ho la mano calda? dal 9 Gennaio 1989."

Commenti

Anunoby e Kuzma: gli steal of the draft a colpi di career high!
I rookie al comando: Jordan Bell, il guerriero di Golden State