Sacramento Kings

Quale potrebbe essere la formula perfetta dei Kings al prossimo Draft?

Sacramento continua a progettare la propria rebuilding guardando al Draft 2018

Simone Romani
14.03.2018 13:24

E' quasi tempo di March Madness, tutti stanno affilando le proprie armi e si preparano al meglio per questa occasione. La fase finale del torneo NCAA, una sorta di Finals NBA, che mai come quest'anno è piena di talento. Tra le università presenti, i nomi altisonanti di certo non mancano: Duke, Kentucky, Virginia tech sono solo alcune delle University che si daranno battaglia.

Eppure anche per la NBA, anzi specifichiamo, per i Sacramento Kings, questa March Madness ha un sapore particolare. L'annata che ha caratterizzato le Università, è stata una delle migliori, piena di talento, ma soprattutto piena di prospetti. Ogni singola squadra in vista del futuro NBA Draft 2018, ma soprattutto i Sacramento Kings avanti a tutti, stanno tenendo sotto osservazione tutti i giocatori, (anche Trae Young che non parteciperà alla fase finale).

E allora su chi potrebbe ricadere la top scelta dei Sacramento Kings (che attualmente potrebbe essere tra le prime cinque)? Analizzando ogni ruolo, esigenze in primis, la "merce" esposta è veramente di altissimo livello:

Deandre Ayton | 2.16 metri, Arizona, centro

Il centro di Arizona University, è senza ombra di dubbio proiettato verso la prima scelta al prossimo Draft. Una prima scelta che i Sacramento Kings potrebbero sfruttare per assicurarsi uno dei giocatori più dominanti in questa stagione. Le sue capacità sono realmente infinite, visto che ha elevato a potenza, come sta già succedendo da un po' di tempo, il ruolo del centro. Infatti Deandre Ayton, non è solo capace di surclassare gli avversari nel pitturato, dato confermato dalla sua statura, ma ha a disposizione anche una buonissima mano per "sparare" dal perimetro. Affiancato a Bogdan Bogdanovic e De'Aaron Fox, i suoi 20 punti a partita conditi con 11.5 rimbalzi potrebbero rappresentare la nuova scintilla per portare i Sacramento Kings in cima alla Western Conference.

Marvin Beagley III | 2.11 metri, Duke, ala grande

La parola fondamentale per la "power forward" dei Blue Devils è: rimbalzo, ed i Sacramento King ne hanno un disperato bisogno. Ecco allora giustificato il nome di Marvin Beagley III. il numero 35 di Duke University ha portato la parola rimbalzo su un pianeta sconosciuto. Proprio questa caratterista infatti gli ha permesso di collezionare 11.5 rimbalzi e 21.1 punti a partita, facendo le fortune dei Blue Devils che si vedono catapultati, come ovvio che sia, nella March Madness soprattutto grazie a lui. Già gli scorsi anni la franchigia californiana hanno provato ad investire su delle "forward", con scarsi risultati fino ad ora, ma certamente il livello di Beagley III è totalmente differente.

Mohamed Bamba | 2.13 metri, Texas, centro

Se i Sacramento Kings non riuscissero ad assicurarsi le prestazioni di Ayton, nel ruolo di centro sicuramente la loro pick ricadrebbe su Mohamed Bamba. Detto in questo modo, sembra che il giocatore appena nominato sia di livello inferiore. Invece non è affatto così. Se Ayton è dominante in fase offensiva, Mohamed Bamba porterebbe nelle fila dei Kings 3.7 stoppate a partita. Disumano! Una statistica che a Sacramento manca come l'acqua nel deserto, e di cui ha un disperato bisogno. La difesa che Bamba mette in campo è stata una delle migliori in NCAA quest'anno, e di sicuro è molto superiore a quella che l'intera squadra dei "Re" ha sviluppato in questa stagione. 

Mikal Bridges | 2.01 metri, Villanova, guardia

Cambiando ruolo in campo, i Kings hanno puntato gli occhi su Mikal Bridges. Innanzitutto bisogna dire due cose, fondamentali. La propensione difensiva di Bridges è fuori dal comune, cosa che ai Kings interessa principalmente. Ma la sua statura e la sua velocità che gli hanno permesso di tirare il 43,3% da tre punti in questa stagione, aggiunge a questo ragazzo la formula perfetta. Molte volte i Sacramento Kings si sono trovati in situazione favorevole al ribaltamento del campo, e altrettante volte non sono riusciti a concretizzare l'azione. Con l'innesto di Mikal Bridges, la fase difensiva si innalzerebbe ad un livello superiore, ed in fase offensiva la sua precisione ed il suo sangue freddo potrebbero veramente fare la differenza.

Michael Porter Jr | 2.08 metri, Missouri, ala piccola

L'ultimo nome di questa lista non poteva che essere Michael Porter Jr. Il suo nome è già sinonimo di garanzia, visto che è la prospettiva più intrigante nel ruolo di ala piccola. Certamente le sue statistiche non sono altisonanti come quelle del resto dei nomi di questa lista, ma bisogna sottolineare come l'infortunio alla schiena gli ha fatto perdere più di metà stagione. Molti prima di questo stop lo ritenevano la vera prima scelta di questo Draft. Le sue caratteristiche come attaccante, si andrebbero a sposare perfettamente con il complesso di gioco dei Sacramento King. Un giocatore con un'ottima visione, che sa concretizzare nel momento giusto. Perfetto per le esigenze dei Kings.

In questa lista c'è tutto, anzi tutti quelli che servono a Sacramento per risalire dal baratro. Però nell'attesa di scoprire chi affiancherà la banda nero-viola della California, godiamoci questa March Madness, che promette scintille.

Commenti

Il filo sottile che lega Iverson ad Embiid e Simmons: la sfrontatezza e le Finals?
#INFERMERIA: Warriors in emergenza: Klay Thompson out almeno per una settimana!