Los Angeles Lakers

LaVar Ball attacca Gunnar Peterson: “sta distruggendo Lonzo”

Il vulcanico padre-agente di Lonzo Ball si è scagliato contro il lavoro atletico imposto dall’head trainer dei Lakers, autore di un programma d’allenamento logorante ed inappropriato.

Antonello Brindisi
28.05.2018 17:53

Dopo una lunga assenza dalla consueta bagarre mediatica della NBA, LaVar Ball torna sotto i principali riflettori dei media statunitensi, ponendo al centro del mirino Gunnar Peterson, ovvero l’attuale head trainer dei Los Angeles Lakers. Secondo il parere del fondatore della Big Baller Brand, il carico e la metodologia di lavoro imposti nel corso della regular season, hanno determinato e successivamente prolungato, l’assenza del proprio primogenito dal parquet. Uno scenario piuttosto infausto per un rookie dalle grandi aspettative come Lonzo Ball, costretto a saltare ben 30 partite nel corso della stagione a causa della distorsione del legamento collaterale medio del ginocchio sinistro e della lussazione della spalla sinistra.

Lonzo Ball appare dunque come una sorta di vittima sacrificale agli occhi paterni, totalmente interdetto davanti alla spasmodica ricerca di una rapida crescita muscolare, un atletismo necessario e congeniale ai ritmi di gioco e alla fisicità imposti dalla NBA. Questa crescita deve essere tuttavia ben calibrata ed equamente distribuita nel corso della stagione d’apprendistato dei rookie, così da scongiurare qualsiasi infortunio dovuto ad un eccessivo stress fisico. Una conseguenza ben nota ad esempio a Philadelphia, costretta ad aspettare la lunga riabilitazione di Joel Embiid prima e Ben Simmons poi (destino condiviso anche da Markelle Fultz).

Davanti a questo terribile scenario, l’istinto paterno di LaVar Ball si è manifestato con impeto nell’intervista rilasciata all’insider NBA Alex Kennedy (HoopsHipe), nel corso della quale il businessman statunitense ha letteralmente cestinato il lavoro svolto da Gunnar Peterson:

“Peterson è un incompetente, è la classica mela marcia di questo sistema. Il suo lavoro del c***o sta distruggendo il futuro e la saluta di mio figlio! Non posso rimanere inerme davanti a questa follia, non permetterò che Lonzo venga bruciato dall’incompetenza di un preparatore atletico inadatto al contesto NBA!”

“Lonzo non ha mai patito, nel corso della sua carriera, degli infortuni di tale entità. E’ un c***o di attentato alla salute di mio figlio e i Lakers sono stati a guardare fino ad oggi. Io sono un padre prima che un agente NBA, il mio compito principale è preoccuparmi del benessere incondizionato dei miei figli”.

“A mio figlio è stata imposta una crescita immediata, ecco perché è andato incontro a questi infortuni. Peterson non ha minimamente idea di come crescere e allenare quotidianamente l’atletismo di un giovane talento, se vuole posso dargli qualche lezione a pagamento. Ripeto, sotto la mia supervisione, Lonzo non ha mai manifestato questi problemi fisici. Peterson deve sparire dallo staff dei Lakers, il prima possibile!”

LaVar Ball sembra dunque intenzionato a chiedere, al più presto, la testa di Gunnar Peterson alla dirigenza gialloviola. L’obiettivo è il completo distacco dell’head trainer dalla crescita di Lonzo Ball prima che il workout estivo del 2018/19 faccia il proprio corso. La baraonda mediatica messa in scena dal capostipite della Family Business, offre una nuova chiave di lettura alle parole espresse recentemente da Kyle Kuzma: pronto a dare una testimonianza diretta del grande carico di lavoro svolto in palestra dal giovane playmaker californiano.

Vedremo se le dirigenza dei Los Angeles Lakers ascolterà ancora una volta, le pressioni mediatiche imposte da LaVar Ball.

Commenti

Codice rosso Cleveland: l'assenza di Love scombina i piani dei Cavs!
Il grande rimpianto dei Rockets: l'assenza di Chris Paul!