Infermeria

Gli infortuni freneranno la voglia di rivalsa dei Warriors?

Klay Thompson e Andre Iguodala non sono al top della forma ma Golden State non può permettersi un altro passaggio a vuoto, pena l'uscita dai playoffs.

Andrea Valiani
24.05.2018 17:01

Forse non ce ne stiamo rendendo conto, ma la partita che si disputerà stanotte al Toyota Center potrebbe essere la partita più importante di tutta l'annata. Con questo non intendiamo sminuire Boston e Cleveland, che stanno dando spettacolo nella finale di Eastern Conference, ma i due super team di Ovest sembrano al momento superiori. Ecco perché sia Houston che Golden State hanno il compito di arrivare a stasera al 100% delle energie e della concentrazione.

Non sarà facile però per i Warriors, che in questo momento sono con le spalle al muro, costretti ad espugnare un'altra volta il fortino dei Rockets se vogliono arrivare alle Finals per il quarto anno consecutivo. La squadra di Kerr si è rovinata in gara 4, quando sembrava avere tutto sotto controllo, e fra i motivi della debacle troviamo senz'altro quello degli infortuni.

Stavolta non è Steph Curry il protagonista, il quale sembra aver recuperato appieno viste le ultime prestazioni assolutamente positive, bensì Andre Iguodala e Klay Thompson. Il primo ha subito una botta al ginocchio sinistro in uno scontro con James Harden e in gara 4 GSW ha sentito la sua mancanza.

Per quanto riguarda l'altro splash brother, il suo problema è invece relativo ad una distorsione al ginocchio; durante l'ultima partita ha abbandonato il campo per fare degli accertamenti, è tornato nel momento decisivo ma era evidente che non fosse al meglio, e infatti ha chiuso con 10 punti e un misero 4/13 al tiro. Entrambi sono "questionable" per stanotte.

Non c'è bisogno di ricordare quanto siano dominanti i Warriors con gli "Hamptons Five" in campo, di gran lunga il miglior quintetto della NBA, ma per questo coach Kerr farebbe bene ad essere preoccupato. Le sue dichiarazioni però lasciano ben sperare, quantomeno per la presenza dei due:

Andre [Iguodala] si sente un po' meglio oggi, ed è sul campo. Non ha fatto molto, ma sta facendo progressi. Klay sta recuperando rapidamente, penso che starà bene.

Difficile immaginare che entrambi arrivino al 100% al big match di stasera, ma la loro presenza rimane comunque fondamentale, anche se dovessero essere limitati in qualche situazione. Golden State deve poter contare anche su Kevon Looney, partito in quintetto in gara 4, ma finito presto in panchina per problemi di falli. Insomma, quella di stasera sarà una vera battaglia e nessuno può permettersi di sbagliare, ma alla fine ci potrà essere soltanto un vincitore.

Commenti

All-Rookie Team: giovani talenti o campioni già affermati?
Chris Paul rovina la festa di Houston: gara6 a rischio!