Rumors

Cavs interessati a Greg Monroe: azzardo o mossa vincente?

13.11.2017 17:53
Nonostante la trade di pochi giorni fa che ha portato Eric Bledsoe a Milwaukee e Greg Monroe a Phoenix, la situazione è tutt'altro che risolta. Infatti la squadra dell'Arizona sta esplorando la possibilità di scambiare anche il lungo appena arrivato oppure di trovare una soluzione tramite buyout. Secondo Sam Amico di AmicoHoops, fra le squadre interessate in una trade ci sarebbero proprio i Cleveland Cavaliers, i quali non sono per niente soddisfatti dell'inizio di stagione. Considerando che i Cavs hanno già 15 giocatori sotto contratto, il GM Altman dovrebbe trovare una soluzione "fantasiosa" per concludere l'affare. Il suggerimento arrivato proprio da Amico è quello di inserire Tristan Thompson nell'affare, ma andiamo a vedere più da vicino se potrebbe essere una mossa azzeccata. Innanzitutto il contratto di Monroe scadrà nel 2018 e prevede un ingaggio di 17.4 milioni di dollari. Quello di Thompson si attesta su cifre simili: 16.4 milioni per questa stagione, ma Cleveland è legata al giocatore fino al 2020. La scadenza di Monroe darebbe maggiore flessibilità alla franchigia dell'Ohio e quindi più margini di manovra estivi, sia che LeBron James rimanga o non rimanga a Cleveland. Un altro motivo che spinge verso la trade è l'infortunio di Thompson al polpaccio, che lo terrà fuori fino a dicembre. Non che Monroe sia un giocatore che sta lontano dagli infortuni, ma in un momento così difficile dal punto di vista dei risultati, un'arma in più nell'arsenale di Lue farebbe comodo. Passiamo adesso ai dubbi, entrando in un discorso prettamente tattico. I due giocatori che potrebbero essere scambiati sono infatti piuttosto diversi, anche se il ruolo che ricoprono è lo stesso. Thompson è un rim protector molto atletico che può dare energia alla squadra quando è in carenza, e nelle ultime stagioni ha dimostrato anche di cambiare sui blocchi senza subire nettamente il mis-match che si crea. D'altra parte in fase d'attacco, oltre a poter contare su di lui nel pick and roll e per i rimbalzi offensivi, non ha mai dimostrato di avere dei movimenti in uno contro uno tali da far preoccupare la difesa. Ecco dove, secondo Amico, subentra la necessità di acquistare Greg Monroe. Dal punto di vista offensivo è sicuramente più completo, come dimostrano le ultime stagioni giocate prima con i Pistons e poi con i Bucks. In difesa però non può portare lo stesso contributo di Tristan, e rischia anzi di mettere ancor più in crisi il sistema difensivo (se così si può chiamare) dei Cavaliers. La verità è che l'inserimento di Jeff Green che si sta guadagnando spazio sembra aver ridotto la necessità di tenere Tristan Thompson, ma è davvero Monroe l'innesto giusto per risolvere i problemi? Ai posteri l'ardua sentenza, se lo scambio dovesse andare in porto. L'ultima variabile che affrontiamo in questo articolo è quella, ovviamente, dei Phoenix Suns, Già, perché per concludere una trade serve anche l'accordo dell'altra squadra coinvolta, fattore che forse Sam Amico sembra aver dimenticato. Cosa ne guadagnerebbe coach Triano da questo cambiamento? La risposta è assolutamente niente e le ragioni principali sono due. Dal punto di vista salariale sarebbero costretti a legarsi ad un giocatore che non fa parte del processo di rebuilding fino al 2020. D'altro canto non andrebbe a riempire uno spot vuoto, visto che i Suns ne hanno già diversi di lunghi. La soluzione più logica per loro sarebbe cercare un altro acquirente per Monroe (si parla di Nuggets e Spurs) oppure, in via estrema, di prendere la strada del buyout, che potrebbe rivelarsi meno dolorosa del previsto.

Commenti

La grande fuga (ad ovest)
Alla scoperta dei "nuovi" Raptors e del grande OG