News

I 5 talenti che hanno deluso più di tutti negli ultimi anni

25.02.2018 12:08
Il draft è sicuramente uno degli eventi più attesi dell'anno solare targato NBA. Per le franchigie è un occasione unica per dare via ad una rifondazione o per aggiungere il tassello mancante ad un roster già competitivo. Per i giocatori che si rendono eleggibili, invece, il draft rappresenta un crocevia fondamentale della loro carriera nella lega. I rookie selezionati con le primissime scelte, infatti, acquistano automaticamente uno status particolare e le aspettative su di loro diventano altissime, per alcuni insostenibili. D'altronde sono diversi i giocatori che non hanno reso come ci si aspettava per via dell'eccessiva pressione mediatica e in questa Top 5 vi mostreremo quelli che secondo noi hanno deluso di più negli ultimi anni:

5) Jahlil Okafor (Centro, Draft 2015, 3° scelta assoluta)

Arrivato a Philadelphia in pompa magna, nella sua stagione da rookie si è fatto notare più per risse e violazioni del codice della strada che per le sue prestazioni in campo. Nella stagione 2016-2017 viene spostato dal ruolo di centro a quello di ala grande dove sembra poter incidere maggiormente. Tuttavia si rivela un giocatore parecchio discontinuo e con tanti problemi difensivi, tanto che finisce addirittura fuori dalle rotazioni dei Philadelphia 76ers. Dopo le proteste di suo padre viene ceduto ai Brooklyn Nets dove attualmente sta cercando di riscattarsi, anche se al momento neanche a Brooklyn trova molto spazio, giocando la miseria di 22 minuti con 6.2 punti e 3 rimbalzi a partita.

4) Thomas Robinson (Ala grande, Draft 2012, 5° scelta assoluta)

Dopo essere stato nominato MVP della Big 12 Conference della NCAA nel 2012, Robinson si presenta al Draft nello stesso anno e viene selezionato con la quinta scelta assoluta dai Sacramento Kings. La sua stagione da rookie è da dimenticare: con i Kings gioca una media di solamente 15.9 minuti a partita raccogliendo appena 4.8 ppg. A metà stagione passa agli Houston Rockets, senza però riuscire ad incidere. Attualmente gioca in Russia, al Chimki; oltreoceano si ricordano di lui solamente per la doppia doppia messa a segno contro i Miami Heat nel gennaio del 2013.

3) Hasheem Thabeet (Centro, Draft 2009, 2° scelta assoluta)

Selezionato dai Memphis Grizzlies con la seconda scelta, Thabeet diventa il primo tanzaniano a giocare nella NBA. Inizia la sua prima stagione nella lega con un piccolo infortunio alla mascella, che lo tiene lontano dal campo per qualche tempo. La sua carriera sembra poi decollare a metà dicembre quando fa registrare un season-high da 5 stoppate. Presto, però, finisce a giocare in D-League, con i Dakota Wizards e nel giorno della trade deadline viene ceduto ai Rockets. Qui si allena addirittura con Hakeem Olajuwon ma scende in campo solamente 2 volte, sprecando quindi la sua ultima possibilità di incidere nel basket americano. Al momento gioca in Giappone con la maglia degli Yoko B-Corsairs.

2) Derrick Williams (Ala, Draft 2011, 2° scelta assoluta)

Selezionato dai Minnesota Timberwolves con la seconda scelta assoluta, Williams è diverso dai giocatori che vi abbiamo finora presentato. La sua prima stagione, infatti, non è stata affatto deludente; anzi, Williams viene incluso nell'All-Rookie Team del 2011-2012 e contro i Los Angeles Clippers fa registrare un career-high da 27 punti. Nelle annate successive, però, non riesce a confermarsi, cambia spesso squadra e chiude la sua carriera NBA con l'incolore esperienza a Cleveland dell'anno scorso. Al momento è un free agent, ma in pochi saranno pronti a scommetterci.

1) Anthony Bennett (Ala grande, Draft 2013, 1° scelta assoluta)

Di lui avevamo già parlato in un precedente articolo, ma non potevamo non includerlo anche in questa Top 5. Si rende eleggibile per il Draft dopo appena un anno di college e viene selezionato con la prima scelta assoluta (primo canadese della storia) dai Cleveland Cavaliers che sperano di trasformarlo in un leader carismatico come lo era stato LeBron James. Risultato: ad oggi Anthony Bennett viene considerato una delle peggiori prime scelte nella storia della lega. Direi che la missione è decisamente fallita. Dopo aver fatto un'apparizione di qualche mese con il Fenerbahçe, adesso è in cerca di una squadra.

Commenti

Scandalo NCAA: Louisville è solo la punta di un sistema corrotto!
La Western Conference guarda ai Playoffs: mors tua vita mea!