News

Dwyane Wade risponde a JR Smith: "Accetterò qualunque ruolo"

30.09.2017 14:41
Passata l'euforia per la reunion tra Dwane Wade e LeBron James, è tempo di analizzare il peso dell'utilizzo di Flash in questa stagione dei Cavs. La non più giovanissima età - a gennaio compirà 36 anni - gli permette di non poter esser continuo più come una volta, ma questo non è un problema per Cleveland, vista la grande profondità che hanno in quel ruolo. Dopo le parole di JR Smith (clicca qui) - che ha spianato la strada ad un Wade titolare, "defilandosi" nel ruolo di sesto uomo - e dopo aver parlato con Tyronn Lue in questi primi giorni di preseason, Wade invece è andato un po' controcorrente, affermando che accetterà qualunque ruolo che il coach gli affiderà:
"Io e Ty appena abbiamo parlato del mio ruolo. Non abbiamo parlato dello starting five, niente di simile. Abbiamo discusso di quale sarà il mio ruolo e di quanto ho sempre fatto. Adesso dobbiamo allenarci nel training camp, dobbiamo vedere come giocare insieme, dobbiamo giocare le prime partite di pre-season".
Oltre a Dwyane, nella posizione di point guard ci sono Jr Smith, Kyle Korver, Iman Shumpert e, perchè no, anche Derrick Rose che garantiranno una grande profondità in quel ruolo. Non una novità che Wade sia fragile dal punto di vista degli infortuni, quindi il suo utilizzo verrà graduato nel corso della regular season in modo tale da averlo fresco nei playoffs.
"Siamo molto profondi, quindi i ragazzi non devono tirare fuori i loro kit fai da te per tutto il tempo. Puoi giocare meno minuti se il nostro primo quintetto ed il secondo giocano come devono giocare. LeBron non ha bisogno di giocare troppi minuti come ha giocato in passato se facciamo il nostro lavoro e viceversa. Una squadra così profonda, ti permette di salvare i minuti dei ragazzi nella stagione regolare ".
Stando a queste dichiarazioni, Dwane Wade sembra che sia favorevole nel giocare meno minuti. Lo scorso anno ha avuto una media di 29.9 minuti giocati a partita con i Chicago Bulls segnando 18.3 punti (media più bassa dal 2003/04) con il 43.3% dal campo (percentuale più bassa della sua carriera). I numeri della sua carriera dicono ben altro invece: 23.3 punti, 4.8 rimbalzi e 5.7 assist a partita. L'esperienza di Wade, al di là del talento immenso che può far la differenza in qualsiasi momento, può essere un fattore importante per i Cleveland Cavaliers, i quali possono contare su una vasta profondità del proprio roster, al contrario degli anni passati. E questo senza dubbio farà la differenza nel prossimo "assalto" ai Golden State Warriors.

Commenti

L'anno della verità per Harrison Barnes
#INFERMERIA: La caviglia di Glenn Robinson III (al momento) vanifica i suoi sogni di gloria