Minnesota Timberwolves

Karl-Anthony Towns contro Tom Thibodeau: chi resta?

Il coach dei Minnesota Timberwolves e il giocatore del New Jersey sono ai ferri corti ma la dirigenza sembra aver già deciso chi sacrificare.

Gabriele Scaglione
23.05.2018 20:27

Dopo un'ottima regular season, conclusa con un ottavo posto piuttosto sibillino, i Minnesota Timberwolves si sono dovuti arrendere allo strapotere degli Houston Rockets già nel primo turno dei Playoffs. L'ottima postseason di Jimmy Butler, infatti, non è bastata ad evitare l'eliminazione dei T-Wolves, cpesantemente condizionati dalle prestazioni sottotono di Karl-Anthony Towns.

Quest'ultimo ha disputato un'ottima stagione regolare, chiudendola con una media di 21.3 punti, 12.3 rimbalzi e 2.4 assist e ha anche sensibilmente migliorato la sua percentuale dall'arco, alzandola dal 36.7% del 2016-2017 al 42.1% di quest'anno. Insomma tutto lasciava pensare che questa potesse essere l'annata della definitiva consacrazione per Towns ma nei Playoffs qualcosa è andato storto.

Il numero 32 di Minnesota, infatti, ha chiuso le prime 2 partite della serie contro Houston senza andare in doppia cifra e queste performance a dir poco deludenti sono costate care ai Timberwoles che non hanno trovato in Towns, il leader su cui speravano di contare. Ciò ha sicuramente contribuito a minare i rapporti tra il giocatore del New Jersey e il coach Tom Thibodeau.

Rapporti che, stando alle opinioni dei due giornalisti di ESPN Zach Lowe e Brian Windhorst, non sono in un buon momento dopo che Thibodeau ha fatto pressioni sul front office di Minnesota affinché licenziasse l'assistente allenatore Vince Legarza, il quale negli ultimi anni era diventato una sorta di confidente per Towns che dunque non ha gradito affatto la decisione del proprio coach.

 

Insomma, attualmente la posizione del Rookie of the Year del 2016 all'interno del roster dei Timberwolves è tutt'altro che inamovibile e non è escluso che il giocatore possa essere inserito in una trade nel corso della prossima estate. Tuttavia la dirigenza dei Wolves non sembra ben disposta a cedere il proprio gioiello e per questo potrebbe scegliere di sacrificare Tom Thibodeau.

Secondo Adrian Wojnarowski, infatti, il front office preferirebbe liberare il coach che gli ha regalato la miglior stagione degli ultimi 14 anni piuttosto che scambiare quello che viene considerato a tutti gli effetti, il presente e il futuro della franchigia del Minnesota. Questo ovviamente se Thibodeau e Towns non dovessero giungere ad una riconciliazione.

Riconciliazione che al momento sembra lontana ma che la dirigenza di Minnie spera possa arrivare in fretta, così da non dover lasciar partire né il coach e né il proprio centro titolare che nel frattempo, immortalato sui social network con una maglietta dei Phoenix Suns. Una semplice provocazione o un chiaro indizio della volontà espressa da KAT? Prima di giungere a delle conclusioni affrettatte, bisogna tende in considerazione il legame fraterno che intercorre tra Towns e Devin Booker, asso della franchigia dell'Arizona. Dopo aver trascorso la propria gioventù tra le fila dei Kentucky Wildcats, i due prospetti NBA hanno conoslidato un rapporto di amicizia che va ben oltre le esperienze empiriche condivise sul parquet.

Dunque sorge spontaneo un dubbio: e se fosse Karl-Anthony Towns a voler andar via?

 

Commenti

Prove d’intesa a San Antonio: rinnovo in vista per Kawhi Leonard!
Il trash talking tra giocatori e tifosi: giusto o sbagliato?