News

Miami Heat: nervi tesi tra Whiteside e coach Spoelstra?

Alessio Bonavoglia
17.11.2017 13:15
I Miami Heat sono a 6-8 in questa stagione. L'ultima sconfitta è arrivata nell'ultima partita, contro i Washington Wizards. Niente di strano, visto che la squadra di John Wall e Bradley Beal è una delle migliori per rendimento fin'ora. La cosa che ha ancora una volta fatto storcere il naso ai tifosi degli Heat è stato l'utilizzo del centro Hassan Whiteside, che ancora una volta è rimasto in panchina più del previsto. In questa partita, coach Spoelstra ha deciso di tenerlo fuori per tutto il quarto quarto. Non è la prima volta che il capo allenatore dei Miami Heat decida di privarsi del lungo nato in Carolina del Nord nel finale di partita. Anzi, è successo anche di peggio: nella partita del 7 novembre, giocata a Oakland contro i Golden State Warriors, coach Spoelstra ha tenuto in campo Whiteside solo per 73 secondi nel secondo tempo. Il motivo? In uno dei primi possessi del terzo quarto, Hassan ha commesso un ingenuo fallo in attacco, per poi non scivolare in difesa, permettendo a Zaza Pachulia di segnare due punti facili in transizione. Il coach allora, ha preferito togliere dal campo il suo giocatore, forse per punire il suo atteggiamento. A fine partita, coach Spoelstra ha detto:
"E' una normale decisione che un allenatore prende nel corso della gara. Niente di più, nient’altro che una decisione che riguarda un singolo match. Hassan sa benissimo quanto è importante per noi. Deve giocare ad alto livello, deve darci energia. Detto questo, siamo pronti a voltare pagina."
E così è sembrato: nelle partite successive Whiteside ha sempre giocato con alto minutaggio; anche contro i Wizards è stato così, però senza giocare l'ultimo periodo. Se per quanto riguarda la partita contro Golden State, il numero 21 dei Miami Heat si era limitato a dire di non sapere le motivazioni di tale gesto, dopo il match contro Washington ha detto di fidarsi delle decisioni del suo allenatore. Che le scelte di coach Spoelstra siano state una punizione per Whiteside? O è forse solo un modo per preservarlo?

Commenti

Zach Lavine scalda i motori, ma non saranno solo schiacciate...
La magia del TD Garden avvolge Jaylen Brown e la scomparsa del suo migliore amico