Ecco a voi il terzo assistman della storia della NBA: Steve Nash!

10.04.2014 18:07
Il playmaker dei Lakers Steve Nash ha vissuto le ultime due stagioni a Los Angeles in maniera molto turbolenta, a causa di vari acciacchi che lo hanno costretto a diventare l'ombra di se stesso. Martedì sera allo Staples Center contro gli Houston Rockets Nash, che aveva giocato solo in 14 partite in questa stagione (ed è stato anche dichiarato out per il resto della stagione alcune settimane fa), è partito dalla panchina pronto a sostituire Kendall Marshall. Nash non era ancora pronto per rientrare in campo, ma non ne voleva sapere, tanto che durante un timeout ha sussurrato a Mike D'Antoni:
"Coach, lasciami giocare, potrei non tornare mai più in campo"
D'Antoni mai e poi mai poteva evitare le sue parole e lo spedisce in campo. Verso la fine del secondo quarto della partita, Steve Nash serve Jodie Meeks per una facile schiacciata in contropiede, mettendo a referto così il suo quinto assist della serata: il 10.335esimo assist della sua carriera, piazzandosi davanti all'attuale head-coach dei Warriors Mark Jackson ed entrando tra i top-three di sempre. Primato irraggiungibile posseduto da John Stockton, ben saldo a quota 15.806. Jackson si è immediatamente congratulato con il canadese: Nonostante la sua salute rappresenti una preoccupazione costante, Nash è destinato a restare al terzo posto degli assistman di tutti i tempi anche nel prossimo futuro, dato che a 12.091 assist c'è Jason Kidd, attuale head-coach dei Nets che di certo non può più incrementare il suo bottino. Il giocatore in attività che potrebbe raggiungere Nash è Andre Miller, che però è "ancora" fermo a 8.133 assist. Inoltre la sua età avanzata e la media di questa stagione di 3.3 a partita non rappresentano una minaccia. Poi c'è Chris Paul a 6.084 assist che si presenta come il più probabile sfidante tra i giocatori attivi. Tuttavia ancora diversi anni serviranno al cestista dei Clippers per raggiungere le cifre di Nash e come il play gialloviola ben sa, la longevità non è una cosa garantita. Il 2 volte MVP della lega rimane uno dei passatori più creativi della NBA, un giocatore con grande visione di gioco e capacità straordinaria di creare angoli di passaggio con  il proprio dribbling. Tra tutti i giocatori che hanno beneficiato dei passaggi vincenti di Steve Nash, Dirk Nowitzki è quello che ne ha ricevuti di più: ben 797 durante le sei stagioni trascorse insieme a Dallas, ossia circa il 7.7% del suo totale in carriera. Nash i principali obiettivi li ha raggiunti in passato e forse questo potrebbe essere l'ultimo della sua straordinaria carriera.

Commenti

Nessuno può impedirti di essere il più forte... tranne Jordan
Paul Pierce incide il suo nome tra le pagine del libro dei record della NBA