Emeka Okafor sta preparando il ritorno in NBA: "Giocherà soltanto per una contender"

03.06.2017 12:01
Chukwuemeka Noubuisi Emeka" Okafor, classe 1982 nato e cresciuto a Houston, ha come squadra preferita gli Houston Rockets e idoli Hakeem Olajuwon e Clyde Drexler. Frequentò l'Università di Connecticut, dove divenne famoso per la sua abilità difensiva, soprattutto nelle stoppate, tant'è che venne nominato miglior difensore e miglior giocatore della East Coast. Il 5 febbraio 2007, il suo numero di maglia venne ritirato da UConn. Seconda scelta nel Draft 2004 ha ricevuto nello stesso anno il premio come miglior rookie della NBA, viaggiando con medie di 15.1 punti, 10.9 rimbalzi, 0.9 assist e 1.7 stoppate a partita in un totale di 73 match giocati con la maglia di Charlotte, partendo sempre titolare in quintetto, battendo anche il suo amico Gordon dei Chicago Bulls. Il 24 giugno 2005 i Bobcats rinnovarono il suo contratto per quattro anni. Il 28 luglio 2009 venne ufficializzato il suo passaggio ai New Orleans Hornets in cambio di Tyson Chandler, mentre nel 2012 iniziò la sua avventura ai Washington Wizards insieme a Trevor Ariza. Ma le cose non vanno proprio come Okafor si aspettava, tant'è che dopo la diagnosi di un'ernia del disco verticale C4, fu costretto ad abbandonare la squadra per iniziare la riabilitazione, indispensabile per ridurre l'infiammazione e correggere la lesione. Attualmente l'ex seconda scelta assoluta del draft si sta allenando duramente per tornare in campo, con l'obiettivo di firmare (a 34 anni) per una contender. Questa teoria è supportata da Jim Calhoun, suo ex coach a UConn:
Okafar non farà una decisione basandosi sul denaro, non ne ha bisogno, si è diplomato con un punteggio di 3.9 GPA. Vuole giocare ancora un paio d’anni e poi andare a studiare ad Harvard. Giocherà solamente con una contender".
Abbandonare la squadra fu per lui una delusione di non poco conto, ma la sua professionalità, la dedizione per il suo corpo e i numerosi sforzi fatti per tornare in campo, saranno ripagati una volta varcato il quadrato. In un'intervista il suo agente Jeff Schwarz ha dichiarato:
"Okafor sta lavorando duramente sulla riabilitazione. Per lui un lavoro diverso da altri, lui conosce il suo corpo meglio di molti allenatori che hanno lavorato con lui. Sta bene, si sente alla grande, ma è un perfezionista e vuole che tutto sia perfetto." 
Allora caro Emeka non resta che augurarci di rivederti il più presto possibile in campo: good luck!

Commenti

I SIGNORI DELLA NBA: Derek Fisher
Warriors: vale la pena sacrificare questo Klay Thompson?