News

I migliori 5 pretendenti al titolo di Rookie of the year

Il talento dei rookie di quest'anno è stato molto alto. Diamo un occhiata a quelli che dovrebbero essere a tutti gli effetti i 5 candidati alla vittoria finale:

04.05.2021 14:23

A poco meno di un mese dalla fine della stagione regolare della NBA possiamo iniziare a tirare le somme sui 5 potenziali candidati al titolo di Rookie of the year del 2021.

Quest'anno le squadre sono arrivate al draft in una maniera diversa dal solito con pochi, limitati o addiritura nessun incontro di persona con i giocatori durante il pre-draft, così le squadre si sono trovate a scegliere solo attraverso le immagini e al loro istinto. Il talento dei rookie di quest'anno è stato fortunatamente molto alto, ma tra tutti possiamo sicuramente segnalare quelli che dovrebbero essere a tutti gli effetti i 5 candidati alla vittoria finale:

1. LaMelo Ball

LaMelo Ball è stato senza ombra di dubbio altamente spettacolare, ogni sera ha tirato fuori statistiche o giocate spettacolari che sono diventate virali in tutto il mondo, e nonostante abbia saltato 21 partite per un infortunio al polso viaggia alla media di 15.9 punti, 6.1 assist e 5.9 rimbalizi a partita.

Se a questo aggiungiamo che attualmente gli Hornets sono ampiamente in corsa per un posto ai playoffs, e che le sua capacità di playmaking stanno facendo migliorare le statistiche dei sui compagni come Miles Bridges e PJ Washington, non possiamo che concordare nel pensare che sia il principale candidato al titolo di ROY 2021.

 

2. Tyrese Haliburton

Tyrese Haliburton è il marcatore più efficiente tra tutte le scelte del draft, ed è anche risultato la spalla ideale per De'Arron Fox. Attualmente sta tirando il 40.5% da tre punti, segnando anche 12.8 punti e fornendo 5.3 assist a partita e rispetto a Ball risulta più decisivo anche in difesa, ed è esattamente quello di cui avevano bisogno i Kings.

Grazie alla sua regia Sacramento ha potuto aggiungere maggiore versatilità ed imprevedibilità al suo gioco, potendo sfuttare sia il pick&roll che il suo tiro da 3.

3. Anthony Edwards

Se Haliburton è il più efficiente, Anthony Edwads è il migliore realizzatore tra i giocatori al primo anno, ed ha già mostrato lampi di altissima qualità da giocatore top, esattamente come speravano i Minnesota quando lo hanno scelto al numero 1 assoluto nel draft 2020.

Nonostante la sua media realizzativa di 18.3 punti a partita è apparso incostante e a volte inefficiente come d'altronde è abbastanza comprensibile per un giocatore giovane. Ha ovviamente ancora molto da lavorare e migliorare come la selezione dei tiri e il tiro da 3 punti, ma il suo poster su Yuta Wantanabe del 19 Febbraio è in corsa per la schiacciata dell'anno.

4. Immanuel Quickley

E' sicuramente la più grande sorpresa di questa annata, scelto solo alla 25esima dai New York Knicks, su di lui era stato programmato un investimento a lungo termine, ma la sua ascesa e il suo sviluppo è stato più rapido di quanto si prevedesse.

E' diventato in poco tempo la terza opzione di New York dopo Julius Randle e RJ Barrett con una media di 11.7 punti a partita e il 39.4% dal campo, ma resta ancora un pò incostante per via della sua giovane età. Nonostante tutto potrebbe essere il primo vincitore del Rookie of the Year per i Knicks dopo Mark Jackson del 1988.

5. Jae'Sean Tate

In ogni draft c'è sempre un giocatore che accende la passione nei cuori dei tifosi, e quest'anno è Jae'Sean Tate, dopo i 4 anni all'Ohio State e la sua avventura in Australia, i Rockets hanno scommesso su di lui nel draft di Novembre.

Nessuno lo avrebbe considerato come un possibile ROY eppure questo centro small ball alla PJ Tucker sta stupendo tutti con una media di 11.2 punti a partita con il 52% al tiro, ma soprattutto con la sua duttilità. A Houston fa un pò di tutto, difende, attacca il ferro e fa tutte le piccole cose che il coach Silas gli chiede, e il fatto di essere in corsa per il titolo di migior giovane è già un enorme successo per Tate.

Ancora pochi giorni e sapremo il verdetto finale di questa appassionatissima gara quest'anno a livelli veramente eccelsi.

Commenti

Nessuno fa più tagliafuori, il grido di allarme di Kerr: “Mancano i fondamentali difensivi...”