Story of the Game

Larry Bird e quel dito rivolto al cielo

18.04.2014 18:21
Chicago, 1988.
"Testa o croce?" "Per me è indifferente" "Io voglio tirare per secondo perché quando vincerò sarà più bello che la gara finisca lì. Dopo il mio ultimo tiro"
Chi pronuncia l'ultima frase è il protagonista della nostra storia. Non ha bisogno di presentazioni. Il giocatore bianco più forte di sempre. E' impegnato in una conversazione a tre con Dick Bavetta e Dale Ellis.  Siamo alle battute conclusive del Three-point Shootout. Bird ed Ellis sono arrivati in finale. Stanno tirando a sorte per chi inizia per primo. La stessa sorte che, non a caso, decide che Ellis è il primo a tirare. Non è un gara dei tre punti come le altre. Qualora Bird vincesse riuscirebbe nell'impresa mai riuscita a nessuno: vincere il Three-point Shootout per tre anni consecutivi. Il primo, nel 1986, lo vinse negli spogliatoi. Entrò nella locker rom e guardandosi intorno esclamò:
"I'm just looking around to see who's gonna finish up second".
Semplicemente stava solo dando un'occhiata in giro per vedere chi sarebbe arrivato secondo. Quest'anno però è più complicata del previsto. Ellis è un ottimo tiratore e, in stagione ha tirato dal campo con percentuali notevoli. Dale Ellis parte benissimo. 7/10 con i primi due carrelli. Perderà precisione al tiro negli ultimi due. Finirà la sua performance con 15 punti. Quando Bird entra sul parquet il palazzetto ribolle. Siamo a Chicago, ma tutti fanno il tifo per il più grande giocatore bianco. Larry comincia malissimo, 5/15  con tre carrelli. Lo United Center piomba in un silenzio irreale. Non può farcela. Quarto carrello. Uno dopo l'altro entrano tutti e cinque. Arriva al quinto. Ha bisogno di 3 canestri per vincere. Come in una sceneggiatura già scritta sbaglia i primi due. Il terzo. Dentro. Il quarto. Dentro. Ora sono pari. Larry Bird scaglia l'ultimo pallone. Appena partito, alza il dito verso il cielo e corre verso il centro del campo. Con il dito verso il cielo lo si sentirà gridare "I'm the great one". Con il dito verso il cielo, solo ora, si sentirà il "ciaf" della retina. In un delirio di onnipotenza totale. Allo United Center che non sa neanche come esultare per il rispetto che nutre nei confronti di questo straordinario giocatore. All'intervista di rito, interpellato del perché di quel dito al cielo. Risponderà:
"Non ho vinto per me, il basket me l'ha chiesto, ero convinto che quel pallone entrasse, sono il più forte, dovevo vincere io."
Larry Bird e Juan Donoso Cortès, non hanno potuto conoscersi perché vissuti in due epoche diverse. Ma con un viaggio di fantasia posso immaginarli a cena, sorseggiare del buon vino rosso. Chissà cosa avrebbe risposto Bird all'affermazione di Cortès:
“Nulla sta così bene sulla fronte del vincitore come una corona di modestia.”
Non so voi. Ma io qualche idea l'avrei... Onnipotente Larry Bird. Gabriele Manieri @Manieri11

Commenti

Jason Kidd e la leggenda di Atlante
I SIGNORI DELLA NBA: Joey Crawford